//Oggi parliamo di “Ecoambiente”
alessandro-palli

Oggi parliamo di “Ecoambiente”

SERVIZI DI IGENE AMBIENTALE

Intervista ad Alessandro Palli, presidente del cda dell’azienda che opera in vari comuni

Ecoambiente gestisce i servizi di igiene ambientale: dalla raccolta stradale differenziata alla raccolta porta a porta integrale, fino allo spazzamento stradale e meccanizzato. Segue inoltre il trasporto dei rifiuti fino al loro trattamento e smaltimento finale, impiegando oltre 200 dipendenti, dislocati in 4 sedi operative nei Comuni di Adria, Badia Polesine, Porto Viro e Rovigo ed ha in gestione 13 ecocentri comunali tra cui Porto Tolle e la stazione di travaso rifiuti in Comune di Porto Viro.

Alessandro Palli è il presidente del Consiglio di amministrazione, Aronne Sacchetto è il presidente del Collegio sindacale; direttore tecnico Valerio Frazzarin; 270 i dipendenti totali; 130.000 le tonnellate di rifiuti raccolti annualmente, di cui ben il 65% differenziati; gli abitanti serviti sono 247.000, in un territorio di kmq 1.700.

Parliamo di tutto questo con Alessandro Palli, presidente, che gentilmente risponde alle nostre domande.

Cos’è Ecoambiente, presidente?

Ecoambiente è un’azienda che gestisce il ciclo integrato dei rifiuti in provincia di Rovigo, totalmente pubblica ed impegnata seriamente a svolgere per i cittadini l’organizzazione, la raccolta e la gestione dei rifiuti in provincia. Sarà il braccio operativo del Consiglio di bacino, ente appena nato per legge, che ha l’obbligo di fornire ad Ecoambiente un indirizzo sulle modalità di raccolta e gestione dei rifiuti.

Quale il futuro programmatico di questa azienda?

Siamo impegnati al massimo e vogliamo essere sempre di più al servizio del territorio; a Rovigo abbiamo avviato la raccolta porta a porta, partendo dalle frazioni, ed estenderemo nel prossimo futuro il servizio anche al centro storico; modernizzeremo il nostro parco automezzi per un minore carico lavorativo per i dipendenti, oltre a dare corso alla sistemazione della pianta organica.

È stato poi condotto un importante intervento di re-wamping del separatore di Sarzano che è pronto a partire una volta risolte alcune formalità autorizzative.

Faremo investimenti e daremo corso ad azioni mirate al miglioramento del servizio; in particolare stiamo avviando una collaborazione con Contarina Spa di Spresiano di Treviso, azienda operante nel territorio trevigiano con la nostra medesima “mission”, per arrivare a realizzare nella nostra provincia un sistema di raccolta ancor più spinto, che ci consenta di giungere ad una tariffa puntuale ma omogenea, basata sul principio secondo cui “chi meno inquina, meno paga”, passando dal 65% all’85% di raccolta differenziata.

Alcune considerazioni sul rapporto con i sindacati, oggi molto in discussione…

C’è ancora una grande discussione attorno alle modalità operative dei nostri dipendenti. Ma non è vero, come qualche nota di cronaca fa intendere, che non discutiamo: ci mettiamo noi stessi in discussione su queste problematiche. Come è certo che le ragioni non sono mai da una sola parte, è altrettanto vero che la politica aziendale del passato, secondo la quale non si sono effettuate assunzioni e non si è ammodernato il parco automezzi, ci ha lasciato in eredità una situazione pesante. Su questo stiamo lavorando, ma non abbiamo la bacchetta magica e la stessa normativa, di recente emanazione, non ci sta dando una mano. L’obiettivo resta comunque un miglioramento continuo del servizio, che deve essere soddisfacente per il cittadino che paga, senza perdere di vista il miglioramento delle condizioni lavorative, con un impegno anche del personale attraverso un percorso condiviso, per un risultato comune.

Luigino Zanetti