//In ricordo di tutte le vittime
Cavarzere-25-aprile

In ricordo di tutte le vittime

25 aprile

Vari cerimoniali e commemorazioni e una Messa di suffragio per i caduti

La ricorrenza del 73° anniversario del 25 aprile, festa della Liberazione, è stata celebrata quest’anno con particolare solennità, in ricordo di tutte le vittime civili e militari della guerra. Tre le cerimonie avvenute: una al Villaggio Busonera, in ricordo del medico condotto impiccato a Padova dai nazifascisti; la seconda nei pressi del camposanto del capoluogo, in memoria di Ferruccio Voltan e Tommaso Zanaga, morti nella battaglia di El Alamein; la terza nel capoluogo, con la posa di una corona di alloro sotto la lapide dei circa 400 caduti del Primo conflitto mondiale. In concomitanza con questi rituali patriottici, conclusi con la Messa di suffragio in Duomo, officiata dall’arciprete Achille De Benetti, il sindaco ha reso omaggio anche al gen.

Bisogniero che liberò Cavarzere il 27 aprile del ‘45 e si sono commemorati inoltre l’eccidio dei 5 ragazzi di San Pietro d’Adige del 1944, i giovani caduti in combattimento a Baggiolina e tutti i partigiani che si immolarono per la Liberazione, nonché il capitano Luigi Giorgi del “Cremona”, e i due piloti degli aerei abbattuti a Cavarzere nel 1944 a Ca’ Briani e nel 1945 a Boscochiaro, Helmut Jamfeld e J. H. Coates. Con i resti dei loro velivoli, recuperati dal club “Romagna Air Finders”, sono state allestite due mostre a palazzo Piasenti-Danielato.

I resti mortali di uno dei piloti sono stati consegnati ai familiari, rappresentati dalla nipote, in una toccante cerimonia con il sindaco e i volontari. Alle varie commemorazioni, presiedute dal sindaco Tommasi sono intervenute le rappresentanze d’arma e combattentistiche, oltre a numerosi cittadini, che hanno sfilato in corteo per le vie cittadine, accompagnati dal complesso bandistico e dai vigili urbani con gonfalone del comune.

Rolando Ferrarese