//Raro Nabucco per Chioggia
Va-pensiero-finale

Raro Nabucco per Chioggia

CHIOGGIA – Auditorium San Nicolò

Nella lunga storia musicale di Chioggia l’opera “Nabucco” di Giuseppe Verdi risulta essere stata eseguita soltanto 2 volte: nel lontanissimo 1872 nel Teatro “Vittoria”, situato in Calle Rodomonte, e nel 1901 presso il Teatro “Garibaldi”, qui con una recita preceduta dalla commemorazione dell’autore spentosi proprio pochi mesi prima.

L’edizione, quindi, che si è tenuta domenica 22 aprile all’Auditorium San Nicolò è la 3ª e ciò sta a significare l’evidente difficoltà di trovare una impresa capace di realizzarla e degli interpreti in grado di affrontare i ruoli dei protagonisti.

Nonostante la ristrettezza del palcoscenico e l’assenza d’una orchestra, possiamo dire che l’Associazione Lirico Musicale Clodiense, in collaborazione con il Circolo Musicale May-Donizetti di Bergamo, è riuscita con ampia sufficienza nell’impresa, proponendo uno spettacolo dignitosissimo dal punto di vista scenico e con interpreti all’altezza della situazione.

Molto intelligente la regia di Valerio Lopane che, nel sottolineare l’esodo e la triste cattività degli ebrei all’inizio dell’opera, ha fatto spogliare il coro lasciandolo in scena in vesti dimesse. Coro ben preparato dal M° Pietro Perini che ha avuto nella pagina popolare del “Va pensiero” la sua bella ovazione dal pubblico.

Nel ruolo del titolo il celebre baritono Sergio Bologna, attore esperto e voce espressiva e sicura che, specie nella invocazione al Dio degli ebrei, ha trovato accenti commossi e sinceri. Una sorpresa il soprano Maria Simona Cianchi quale Abigaille, ruolo impegnativo che ha affrontato con baldanza e voce assai scura nelle zone alte; un po’ debole sulle note basse; pur tuttavia una prestazione buona e suscettibile di miglioramenti. Molto bene il tenore Danilo Formaggia, bella e squillante voce, e così pure Serena Romanelli quale Fenena.

Negli altri ruoli si sono distinti Alessandro Ravasio in quello del Gran Sacerdote di Belo, Paolo Battaglia quale Zaccaria dignitoso e convincente, Riccardo Benlodi quale Abdallo e Nadina Calistru quale Anna. Al pianoforte il M° concertatore Damiano Carissoni che con la sua esperienza ha dato sicurezza a tutti gli interpreti, mentre il Coro Lirico Patavino “G. Verdi” era diretto dal concittadino Pietro Perini. Il prof. Padoan ha illustrato brevemente l’opera e ha dato lettura della trama di ogni singolo atto.

Successo di pubblico, com’era prevedibile, essendo l’opera lirica sempre gradita dal popolo clodiense.

p. p.