//Al via “Diamoci una mano… insieme si può”, buona idea!
volontario-con-anziano

Al via “Diamoci una mano… insieme si può”, buona idea!

consulta comunale dell’anziano – auser chioggia

Offrire un po’ di tempo libero agli anziani o alle persone in difficoltà

“Una bella opportunità per la città di Chioggia”, ha detto l’assessore ai servizi sociali Patrizia Trapella, nel salutare le associazioni della Consulta del Volontariato presenti in Municipio, venerdì 1° giugno, all’inizio dei lavori della conferenza stampa di presentazione del progetto “Diamoci una mano… insieme si può”. “Offrire un po’ del proprio tempo libero a persone anziane o in difficoltà è un valore aggiunto per la nostra popolazione – ha aggiunto l’assessore -.

Questo progetto punta a stimolare l’attenzione e l’aiuto rivolto alla popolazione anziana e in condizione di disagio sociale, con interventi mirati che accrescano la coesione sociale e, in particolare modo, sviluppino nella cittadinanza una nuova modalità di gestione della terza età e delle persone disagiate, all’interno di una rete di relazioni consolidate e costantemente monitorate”.

Proposto dalla Consulta comunale dell’Anziano con Auser Chioggia capofila, il progetto è stato selezionato tra le sette iniziative finanziate dalla Regione Veneto ex legge regionale n. 3 dl 2015. Esso prevede una spesa di € 34.400 con l’obiettivo del miglioramento della qualità e vita di 15 anziani con l’inserimento di quelli rimasti soli in contesti famigliari, perché tutti possano partecipare alla vita sociale, anche dal punto di vista affettivo, per favorirne l’autonomia e l’autostima.

Il progetto si concretizzerà in 3 modi diversi: attraverso 7 c.d. piccoli affidi: uno o più volontari vanno a casa dell’anziano per fargli compagnia (€ 100 mensili di rimborso spesa); attraverso 5 affidi di supporto: uno o più volontari aiutano l’anziano in piccole attività quotidiane (€ 250); infine attraverso 3 affidi di convivenza rivolto a tre anziani che non sono più in grado di vivere da soli (€ 450). Famiglie, coppie, associazioni e singole persone possono diventare affidatari.

Per diventarlo bisogna frequentare un apposito corso di formazione. L’affidatario sarà sempre assistito dal personale del servizio affido. A scopo divulgativo si terranno delle serate per informare il territorio di questo progetto. Info servizio affido: 041 5534007.

R. D.