//Per una buona estate
santi-prima-pagina

Per una buona estate

Vincenzo Tosello

Mentre l’ultima tornata elettorale (anche in un comune della nostra diocesi) ha dato nuovi segnali alle forze politiche a livello nazionale, con l’ulteriore affermazione della Lega e con lo stallo (o calo) del M5S e di altre formazioni; mentre attendiamo nuove mosse del governo per capire meglio come pensi di attuare le promesse – ma intanto sembrano complicarsi i rapporti internazionali con la nostra stessa Europa, con le dure prese di posizione sulle tematiche incalzanti dei migranti; e mentre qualche segnale di pace sembra levarsi da Singapore dopo lo storico colloquio tra Donald Trump e Kim Jong-un (ma si allarga la distanza tra Usa ed Ue); mentre… Vogliamo dare uno sguardo qui, un po’ più vicino, alla nostra città, che in questo fine settimana vive l’evento del Palio della Marciliana, evocazione storica di tempi lontani, ma che si propone di immettere nuova linfa di festa e di partecipazione, nel desiderio di offrire a cittadini e turisti momenti di distensione e di condivisione. Non va dimenticato che il Palio si ricollega, nelle intenzioni degli organizzatori, all’appena trascorsa festa dei santi Patroni Felice e Fortunato, che infatti vengono invocati con uno speciale rito proprio all’inizio della manifestazione. La festa dei Patroni della città e della diocesi è stata vissuta anche quest’anno con intensità, con devozione e insieme con allegria, che ora si prolunga nelle iniziative del Palio con le centinaia di figuranti e le migliaia di visitatori.

Per una significativa coincidenza, durante il pontificale dell’11 giugno, la nostra Chiesa locale si è arricchita di un nuovo diacono permanente, a richiamare la necessità di nuove forze ministeriali e ad indicare che non viene meno nel popolo di Dio la disponibilità ad assumersi compiti particolari di servizio alla comunità ecclesiale e civile. E in coincidenza con il Palio della Marciliana usciamo con il primo degli inserti “Litoralestate”, come segnale di accoglienza ai tanti turisti che già frequentano i nostri lidi. Si può ben dire, infatti, che – al di là delle scadenze astronomiche – è iniziata l’estate e tutto, ormai da tempo, anche da noi, è in fibrillazione per la stagione che richiede speciali attenzioni, adeguate programmazioni, maggiori energie, nuova inventiva in modo da offrire ai numerosi visitatori e villeggianti, provenienti dal territorio vicino, ma anche da altre regioni e da altre nazioni, un ambiente favorevole e accogliente.

Come si esprime il nostro vescovo Adriano nel saluto che apre l’inserto, anche la nostra Chiesa locale, insieme a tutte le altre realtà cittadine e delle varie zone del territorio a vocazione turistica, offre la sua disponibilità per dare maggiori opportunità agli ospiti nel suo specifico della dimensione spirituale, con la premura che richiede questo ambito non secondario anche in tempo di vacanza. Facciamo dunque nostro l’augurio del vescovo di “buone e sane vacanze” a tutti coloro che verranno dalle nostre parti e di “buon lavoro” a tutti gli operatori del settore, per uno scambio utile e benefico.

V. T.