//Trofeo Chioggia-Albarella
Trofeo-Albarella

Trofeo Chioggia-Albarella

VELA

Sabato 30 giugno e domenica 1° luglio si è svolto il 4° Trofeo Chioggia Albarella, veleggiate organizzate dal Club Amici della Vela. Il club nautico di Padova è presieduto da sempre da Lele, al secolo Emanuele Bianzale, noto per la passione, per la determinazione e per la tenacia con cui organizza nella sede nautica della Darsena San Felice di Chioggia manifestazioni veliche.

Il trofeo Albarella è nato per gemellare la Darsena Porto San Felice di Sottomarina con il Porto turistico di Albarella. Il Trofeo è la veleggiata conclusiva di altre tre veleggiate che si sono svolte nelle prime domeniche di giugno, denominate Veleggiate delle Contrade, in coincidenza con la Marciliana.

Questo è il quarto anno in cui si svolge e il numero delle imbarcazioni partecipanti è andato di anno in anno sempre crescendo, arrivando in questa manifestazione a ben 66, con circa 250 persone coinvolte.

Si tratta prevalentemente di gruppi familiari ma, come sempre accade nelle regate, anche con regatanti competitivi e tesi alla vittoria. Sabato 30 giugno le barche, organizzate in classi: Alfa (da m. 8,31 a m. 9,20), Bravo (da m. 9,21 a m. 10,67), Charlie (da m. 10,68 a m. 12,19), Delta (da m. 12,20 a m. 13,72), India (da m. 13,73 a m. 16,76), tutte con vele bianche, cioè randa e genoa, sono partite alle ore 13.15 dal campo regate di Chioggia per raggiungere l’isola di Albarella.

Il giorno dopo, domenica 1° luglio, partendo alle ore 13.15 si sono cimentate nella veleggiata di ritorno da Albarella a Chioggia. Le barche sono state premiate sabato sera per la Chioggia/Albarella nella suggestiva cornice nautica del Porto di Albarella e domenica sera per la Albarella/ Chioggia nella altrettanto affascinante cornice della Darsena di San Felice, sotto un tramonto mozzafiato. Volete sapere la graduatoria dei vincitori? Impossibile, mi dicono gli organizzatori, per noi hanno vinto tutti. Di certo quasi 300 persone hanno lasciato la nostra città portandosi nel cuore le tre E: Eventi, Esperienze, Emozioni.

Giacinto Pesce