//Tra degustazioni e rievocazioni
Sagra-del-Pane-Loreo

Tra degustazioni e rievocazioni

Successo della “sagra del pane” a Loreo

Un vero successo la 17ª edizione della “Sagra del Pane” di Loreo. Iniziata mercoledì 20 giugno con il 6° trofeo del salame con la partecipazione della confraternita “Del Clinto” è continuata fino a domenica 24 giugno con tante iniziative. Al teatro sociale parrocchiale si è svolto un incontro di informazione e prevenzione sull’emergenza e sul primo soccorso intitolato “Donare voce del verbo imparare” con i giovani della Fidas Polesana. Per l’occasione si è esibito il gruppo Ocarinistico di Grillara.

In piazzale Europa ha suonato la “Birikkina show band”, con musica anni ’70, ’80, ’90. Lungo le vie del centro c’è stata la sfilata di trattori d’epoca; al canale Naviglio si è svolta la gara di pesca “VI trofeo del pane città di Loreo” a cura della società Spd Arbp. Poi i balli dell’orchestra “Gianni e i Franchi”. Domenica mattina dopo la Santa messa, in piazzetta Madonnina, c’è stato l’incontro dei sindaci e degli assessori dei Comuni del Delta.

Il sindaco di Loreo, Moreno Gasparini, ha detto che il pane è sempre l’alimento più importante, che la sagra dura da 17 anni e che ogni anno l’appuntamento si rinnova ed è sempre molto partecipato. “Importante è la frase “bisogna guadagnarsi il pane” – ha continuato -, lo vediamo anche dagli antichi mestieri che vengono riproposti in questa manifestazione”. Hanno portato il loro saluto anche Carmen Gasparini, presidente della confraternita del Clinto, e Carlo Salvan, presidente della Coltivatori Diretti. “È importante rievocare le tradizioni – ha spigato Salvan -, anche se bisogna guardare al futuro. Interessanti sono i prodotti biologici e qui a Loreo ne avete una prima rappresentanza”.

Ha poi parlato del divario dei prezzi dei prodotti. L’assessore regionale Cristiano Corazzari ha portato i saluti del presidente Luca Zaia. “Non è facile parlare delle tradizioni in un mondo sempre più complicato – queste le sue parole -, ma bisogna difenderle. Ha poi sottolineato l’importanza del volontariato nel Veneto”. Il presidente della Pro Loco Diego Siviero ha chiamato sul palco il sindaco Gasparini, l’assessore Luciana Berto e l’artista Zeudi Rimondi che ha realizzato dei quadretti raffiguranti il canale Naviglio di Loreo di cui sono stati omaggiati, insieme ad alcuni prodotti tipici, i vari sindaci e autorità presenti. Suggestivo il momento quando Anna Beltrame ha cantato l’antica canzone “Loreo” accompagnata da delle contadine che battevano il grano.

Inoltre è stato letto un racconto di quando si batteva il grano. “Il grano veniva battuto con le “verzee”, girato con il forcone e ribattuto diverse volte. Il padrone controllava se le spighe erano vuote, altrimenti si facevano altri 2 o 3 giri di battitura” queste le parole. Particolare è stata la ricostruzione di antichi mestieri a cura del gruppo folkloristico “Gli amanti delle origini contadine”. C’è stata la rievocazione della trebbiatura e dopo è stato realizzato “un panino farcito da Guinness” e la degustazione gratuita offerta dal panificio “Domeneghetti dal 1957”. Durante tutta la giornata c’è stata l’animazione con i costumi contadini a cura de “Quii da Tornova”.

 Barbara Braghin