//Il nuovo presidente Daniele Salvagno
daniele-salvagno

Il nuovo presidente Daniele Salvagno

COLDIRETTI

Guida per il veneto

L’agricoltura veneta ha un nuovo leader, Daniele Salvagno, che, affiancato anche dal presidente provinciale di Coldiretti Rovigo, Carlo Salvan, e dal vice, Simone Moretti, membri del consiglio direttivo regionale, guiderà Coldiretti Veneto per i prossimi 5 anni. Si è riunita il 25 luglio l’assemblea dell’associazione agricola più rappresentativa nel territorio regionale con oltre 70.000 associati che coltivano una superficie di 400.000 ettari e un valore della produzione agricola pari a circa 2,5 miliardi.

L’assise riunitasi a Mestre, anche alla presenza dei dirigenti e delegati di Coldiretti Rovigo, ha visto il passaggio di testimone dall’uscente Martino Cerantola che rimarrà in carica nella sua provincia di Vicenza e nella giunta regionale di Coldiretti.

L’elezione di Salvagno avviene nel territorio 1° a livello nazionale per l’export e in un momento storico particolare che vede le maggiori tipicità del Made In Italy minate da accordi internazionali che non rispettano minimamente l’identità e il saper fare italiano mettendo a repentaglio reputazione, storia e tradizione in cambio di contraffazione autorizzata.

Dal Ceta che apre le porte al Canada al Jefta che strizza l’occhio al Giappone, l’Italia è chiamata a rapporto per imporre una volontà chiara in Europa. “Impresa non facile visti i molti e differenti interessi – ha esordito Salvagno nel suo discorso di presentazione rivolto alla platea -. Si tratta di una serie di attacchi che indeboliscono il patrimonio agroalimentare – ha spiegato – uno dei vanti che possiamo spendere nel mondo insieme ad uno stile di vita unico nel suo genere e irripetibile nonostante tutti i tentativi di copiarlo”.

Per quanto riguarda il panorama regionale sono state elencate le recenti conquiste legislative: dalla legge sul consumo del suolo, alla norma sui parchi passando per il sostegno del credito agricolo attraverso le garanzie. Esperienze di dialogo costante con la politica e frutto di negoziati che hanno premiato il settore. “Un bagaglio di idee e progettualità che accolgo con fierezza dalla passata gestione – ha sottolineato Salvagno – a cui daremo respiro con un rinnovato impegno con un nuovo gruppo in una logica di continuità”.

La dirigenza di Coldiretti Rovigo ha espresso parole di ringraziamento per l’operato svolto da Martino Cerantola ed augurato un proficuo lavoro a Daniele Salvagno: “Assicuriamo la massima collaborazione al nuovo presidente regionale – sottolinea il presidente Carlo Salvan – lieti di intraprendere i nuovi percorsi possibili grazie alla sua guida”.