//BREVI DA CHIOGGIA n.40 – 2018

BREVI DA CHIOGGIA n.40 – 2018

*Punta Poli. La Regione Veneto ha chiesto la restituzione dei fondi stanziati per il punto di sbarco dei rifiuti pescati in mare individuato a Punta Poli, lato settentrionale di Isola Cantieri. Vista l’inoperosità del sito devono essere rimborsati, ma il comune ha risposto facendo presente che il punto di sbarco non può funzionare perché la banchina poco più a est è crollata e prima deve essere ripristinata questa. A questo scopo il comune ha chiesto di poter utilizzare 900mila euro dei fondi Feamp.

*L’UE pensa all’istituzione di un Sic (Sito di importanza comunitaria e zona di protezione speciale), lungo le coste di Emilia, Veneto e Friuli. In contrasto a questo scenario, invece, si è svolto a Mestre un incontro tra le regioni interessate che, pur riconoscendo l’importanza della tutela di delfini e tartarughe, fanno presente che un’area marina protetta così ampia cancellerebbe di fatto le attività di pesca ed acquacoltura.

*Domenica 21 ottobre 900 passeggeri della piccola nave da crociera Braemar hanno in parte visitato Chioggia e fatto shopping, in parte si sono recati in pullman alle valli di Comacchio. Roberto Vianello, delegato all’ambiente della municipalità di Venezia, ha inviato una lettera alla Capitaneria di Porto di Venezia in cui osserva come in tutto il suo percorso lagunare la nave abbia continuato ad emettere un denso fumo nero, inoltre la nave avrebbe condotto un itinerario anomalo entrando ed uscendo dalla laguna… per poi approdare in isola Saloni.  Sull’itinerario ha risposto Damaso Zanardo, presidente per il Porto di Chioggia Aspo, assicurando che fosse previsto e anzi “frutto di mesi di lavoro”. Sarà la Capitaneria di Porto a chiarire se il fumo nero derivasse dall’impiego di combustibili non permessi nel transito lagunare.

*La firma dell’atto di smilitarizzazione del Forte San Felice, passaggio che deve precedere il via libera all’intervento di recupero del Forte e alla sua fruizione pubblica in chiave culturale o commerciale, era prevista il giorno 16 ottobre ed è slittata invece di due settimane. Un piccolo intoppo. Continuano le visite delle scolaresche.

*Roberto Siviero, 52 anni di Chioggia, appassionato di fitness è stato assolto dall’accusa di spaccio di sostanze anabolizzanti perché non ne ha fatto uso per alterare gare agonistiche, né vi è prova che ne avesse l’intenzione. Gli anabolizzanti sono stati intercettati alla dogana di Milano, spedite dalla Thailandia. Il fatto risale a quattro anni fa.

*Gli alunni dell’Istituto Comprensivo Chioggia 3 hanno riempito i palchi della pista rosa di Borgo San Giovanni dove hanno inscenato un entusiasmante flash mob dedicato ai diritti dei bambini. Al centro una coloratissima scritta “PACE” composta da migliaia di barchette di carta.  I bambini hanno studiato per l’occasione la carta internazionale dei loro diritti. Presenti, oltre alla dirigente Sandra Zennaro, la presidente dell’Unicef Veneto Mariella Andreatta, l’assessore all’istruzione Isabella Penzo.

E. B.