//Lions in visita al Forte

Lions in visita al Forte

Il dott. Renato Spinadin, neo presidente del Lions Club di Chioggia, ha dedicato il primo meeting del suo programma alla visita del Forte San Felice. Accompagnati da prof. Erminio Boscolo Bibi, presidente del comitato Forte San Felice, scelto dal Fai (Fondo ambiente italiano) come testimonial del IX censimento “Luoghi del cuore”, dal prof. Villiam Gavagna, volontario del Comitato e dal vice sindaco Marco Veronese, il gruppo ha potuto visitare questo fantastico compendio. Con l’aiuto di stampe il prof. Bibi ha illustrato la storia di questo isolotto, originariamente sito nell’area nord dell’antica Clodia Minor, dove si trovava una torre lignea che segnalava l’ingresso nella nostra laguna. In seguito venne costruito il Castello della Luppa, Castel Lova e con successive edificazioni si pervenne all’attuale Forte San Felice. Interessantissimi riferimenti storici ma anche aspetto naturalistico e fantastiche vedute della laguna e della città hanno colpito i visitatori, compresa la curatissima tenuta del verde. Molto interessante dal punto di vista architettonico il portale in pietra d’Istria progettato da A. Tirali agli inizi del ‘700, attraverso il quale si poteva godere di un bellissimo tramonto e di uno scorcio unico con uno skyline della città di grande effetto. Dopo la visita al Forte, a cena presso il ristorante della Darsena adiacente al compendio, il gruppo ha potuto approfondire con domande ai relatori vari aspetti, compresi quelli che attengono ai passi per l’acquisizione e il recupero del Forte. Sia il prof. Erminio Bibi, sia il vice sindaco Veronese, che detiene la delega al Patrimonio, hanno spiegato le procedure e gli incontri promossi con i vari enti al fine di trovare le giuste modalità per valorizzare e recuperare questo bene. Il giorno successivo il gruppo si è trasferito nella splendida Sirmione per visitare i resti di una delle maggiori ville romane dell’Italia settentrionale che si trovano all’estremità della penisola in una eccezionale posizione panoramica, Le Grotte di Catullo. A seguire la visita alle Cantine Ca’ dei Frati della famiglia Dal Cero, nota per la produzione del Lugana. Giacinto Pesce