//Commosso ricordo di Cinzia
Cinzia-Battaglini

Commosso ricordo di Cinzia

LUTTO IN CITTA’

Durante le onoranze funebri nel duomo di San Mauro

Non c’è incertezza sul fatto che il dolore accomuni tutte le persone, indipendentemente dal ceto sociale. E, come scrive Alfred de Musset (La notte di maggio, da: Poesie nuove) “Nulla ci rende così grandi come un grande dolore”.

Ne abbiamo avuto prova giovedì 22 novembre nel duomo di San Mauro durante le commosse esequie funebri della povera e sfortunata giovane Cinzia Baccaglini (nella foto), 36enne di Cavarzere.

Scomparsa tragicamente nel terribile incidente nella notte tra giovedì 15 e venerdì 16 novembre sulla strada che da Loreo conduce nel nostro paese, mentre era di ritorno dal lavoro a Porto Viro, nella pizzeria gestita dal fidanzato, in seguito allo scontro frontale dell’auto su cui viaggiava.

Ne sono state testimonianza la sofferenza fisica e morale emersa nelle parole pronunciate dalle amiche e dagli amici, con lacrime di commozione: “Ti abbiamo voluto tanto bene e non ti dimenticheremo mai”. Affermazione che, proprio nel giorno della ricorrenza del santo patrono, ha rappresentato un’ulteriore attestazione, se ce n’era bisogno, che “dov’è il Dolore, là il suolo è sacro” (O. Wilde, De profundis).

Oltre a tutti i suoi amici e conoscenti, alla commemorazione di Cinzia c’erano, affranti, la mamma Graziella, il papà Sergio, i fratelli Luca e Ivana, il fidanzato Stefano.

Dopo aver ringraziato per la larga partecipazione al lutto, e la dimostrazione del bene di cui la compianta godeva, don Achille ha ricordato l’apostolo Paolo, il quale dice che “la nostra fede è come dei vasi di argilla, che sono molto delicati e che ad ogni movimento sono facili da rompere”. Il che significa che “soprattutto in momenti tragici come questo, la nostra fede è assai delicata, fa fatica a comprendere…”, e che “bisogna pregare e avere fede nel Signore che è la nostra unica salvezza…”.

Con la speranza anche che la ricorrenza del rito funebre in coincidenza della festività del patrono San Mauro “faccia bene e sia augurale all’anima di Cinzia nel viaggio verso il Signore”. Manifestazioni di profondo cordoglio per l’improvviso e profondo lutto sono pervenute alla famiglia Baccaglini da numerose persone e autorità cavarzerane e polesane. Sulla disgrazia sono in corso gli accertamenti di legge da parte dei carabinieri di Adria e del tribunale di Rovigo, anche con l’ausilio di un perito. I familiari hanno deciso la donazione delle cornee, come Cinzia avrebbe voluto fare.

Rolando Ferrarese