//“Le chiocciole di Anna”
Elicicoltori

“Le chiocciole di Anna”

UN NUOVO MOLLUSCO SULLE TAVOLE DEL DELTA

I molluschi del Delta del Po: dalla duna alla laguna. Si fa strada rapidamente, un nuovo mollusco sulle tavole del Delta e non solo: le chiocciole di Marco Milan.

La sua azienda, denominata “Le chiocciole di Anna” (è la figlia di Marco, ndr) si occupa di elicicoltura ed è stata premiata con l’annuale “Premio Chiocciola d’oro” 2018. Si tratta di un allevamento all’aperto a ciclo naturale completo di chiocciole Helix Aspersa, che si trova a Porto Levante a Porto Viro. “L’elicicoltura – ha ricordato Marco – ha origini antichissime: infatti nel bacino del Mediterraneo sono stati trovati resti di chiocciole commestibili risalenti al periodo tra la fine del Pleistocene e l’Olocene (10.000-6.000 anni fa).

Nell’antichità gli antichi romani praticavano l’elicicoltura che prevedeva l’ingrasso delle lumache con farina ed erbe aromatiche ma anche con cibo diverso e vino”. “Le nostre piccole – ha spiegato – crescono in 60 recinti, alcuni adibiti a riproduzione e altri per l’accrescimento.

Cresciamo con cura e con un’alimentazione attenta le nostre Helix Aspersa per garantire la migliore carne di chiocciola che potrete mai assaggiare!”.

L’occasione per far conoscere questo nuovo prodotto del Delta si è presentata alla recente Fiera Cavalli a Verona, in cui le deliziose chiocciole sono state servite ai commensali dello spazio degustazioni nello stand della Regione Veneto, in un raffinato risotto di cozze e chiocciola preparato con uno show cooking dello chef Adriano Bersani del ristorante “Zafferano” di Porto Viro, che ha conquistato tutti i presenti, tra i quali l’assessore regionale ai Parchi ed al Turismo Cristiano Corazzari ma anche il presidente della Regione Luca Zaia e il colonnello dei Carabinieri forestali Gianfranco Munari.

Il bilancio per Marco Milan è stato molto positivo: “Credo che le nostre chiocciole abbiano fatto centro! Grazie all’Ente Parco Regionale Veneto Delta del Po per lo spazio all’interno dello stand della Regione e la grande visibilità, agli altri produttori, come quelli del riso del Delta dell’azienda fratelli Moretto e della cozza di Scardovari, che come noi credono nella qualità del loro prodotto e “ci mettono la faccia”. Non da ultimo un grazie particolare al maestro Adriano (chef “Zafferano”).

Devo dire che siamo riusciti nell’impresa di far mangiare chiocciole anche a molti scettici, tra i quali il colonnello Munari, gustandole ed apprezzandole in maniera eccezionale. Un’altra eccellenza per la già rinomata gastronomia del Parco Regionale Veneto Delta del Po – MaB Unesco”.

G.Dian

Nella foto: il presidente Luca Zaia con coniugi Erika Braga e Marco Milan.