//Chioggia, Laguna e impianto Gpl

Chioggia, Laguna e impianto Gpl

In attesa della sentenza del Consiglio di Stato sul deposito di GPL di Val da Rio il 24 gennaio prossimo, due professionisti chioggiotti, l’avv. Daniele Grasso consulente IAES (International Academy of Environmental Sciences, Accademia Internazionale Studi Ambientali) e il dott. Carlo Albertini, commercialista, redattore di uno studio sull’impatto economico dell’impianto di GPLa Chioggia, si sono fatti promotori di un grande evento a livello internazionale per il giorno 12 gennaio 2019 alle ore 17 presso l’auditorio di calle San Nicolò. Il tema sarà “Chioggia e la Laguna tra rinascita economica e impianto di GPL”, dove tra l’altro è previsto un collegamento in video conferenza con Adolfo Maria Pérez Esquivel pacifista argentino, vincitore del premio Nobel per la Pace nel 1980, per le sue denunce contro gli abusi della dittatura militare argentina negli anni settanta del XX secolo.
“Un salto di qualità nell’informazione mediatica che deve diventare internazionale, la coesione di tutta la popolazione trasversalmente rappresentata, i nostri obiettivi per dire no a questo impianto a ridosso di una città”, ha detto il dott. Albertini, descrivendo l’incontro del 12 gennaio.
L’occasione sarà la presentazione del libro di Antonio Abrami “L’acqua, gli altri beni comuni e le violazioni di sovranità dei popoli e del Made in Italy, da diritti negati ad affari del secolo.
Quale tutela e quali soluzioni contro lo strapotere delle multinazionali”. “In questo libro c’è un capitolo in cui si parla dell’impianto di GPL di Chioggia” ha spiegato a tutte le categorie economiche di Chioggia presenti all’incontro, l’avv. Grasso.
E ha aggiunto: “Sabato 12 gennaio 2019 saranno con noi due figure di spicco internazionale come il prof. Paolo Maddalena, vice presidente emerito della Corte Costituzionale, e il dott. Cuno Tarfusser, giudice dell’ICC (International Chamber of Commerce) e già vice presidente della Corte Penale Internazionale dell’Aja”. Moderati dal giornalista Antonio Lopez, premio Pastore, con l’autore del libro docente universitario in Diritto Comunitario dell’Ambiente e i nostri due concittadini promotori, interverranno pure il prof. Mladen Franko, vice rettore dell’Università di Nova Gorica, Luca Saltalamachia, avvocato ambientalista, la dott.ssa Marie Odile Bertella Geoffroy, già capo del pool salute pubblica del Tribunale di Parigi, e il dott. Roberto Romizi, dell’Associazione Medici per l’Ambiente, ISDE-Italia.
“La tutela dell’ambiente è con tutta probabilità l’ultimo fronte della battaglia all’impianto di GPL di Punta Colombi, perché sostanzialmente non si è ancora aperto questo capitolo – ha concluso l’avv. Grasso – il completamento di quanto stiamo organizzando sarà un documento che proporremo alla fine dell’evento da fare sottoscrivere non solo a tutti i relatori, ma anche ai chioggiotti che condividono i nostri contenuti. Il documento con il massimo numero possibile di firme sarà trasmesso al Presidente della Repubblica e alle Organizzazioni internazionali che si occupano dell’Ambiente e soprattutto alle Autorità nazionali e internazionali il cui compito è la sua tutela. Questo per dare un segnale forte di quanto l’impianto sia motivo di preoccupazione e sofferenza per la nostra Comunità”.
R. Donaggio