//Stoppata la capolista Adriese
clodiense

Stoppata la capolista Adriese

CLODIENSE

La Clodiense spaventa e stoppa la capolista Adriese che si deve quindi accontentare di un pareggio nel derby del “Ballarin”. Ospiti che hanno sbagliato l’inverosimile sotto porta, grazie alle ottime parate di Camerlengo ma soprattutto alle polveri stranamente bagnate dei propri attaccanti. Di contro la Clodiense, con l’umiltà di chi si deve salvare, è rimasta sempre in partita salvandosi sempre in qualche maniera dalle bordate polesane.

Vittadello schiera la sua squadra con il 3-5-2, modulo inedito con Pastorelli, Ballarin e Cuomo in difesa e Acampora e Martino a far da pendolo tra difesa e centrocampo.

Davanti gioca il nuovo centravanti Fioretti, mentre si rivede anche Nappello che ritorna dopo l’infortunio. L’Adriese parte però molto forte e già dopo 9’ Delcarro sbaglia incredibilmente una specie di rigore in movimento su assist di Buratto. All’11’ Michael Pagan lancia oltre i difensori Aliù ma l’attaccante albanese spreca da ottima posizione.

Marangon si fa vedere con due giocate tecniche tra il 16’ ed il 18’, ma il gol non arriva. Come spesso succede nel calcio al 24’ è invece la Clodiense a passare in vantaggio. Punizione dal limite di Nappello respinta con un braccio in barriera da Boreggio: rigore che Nappello trasforma.

La reazione dell’Adriese è immediata ed al 31’ è già pareggio. Punizione “maledetta” di Marangon, Camerlengo respinge come può, sulla palla si avventano Ballarin e Aliù ed il direttore di gara vede un fallo del difensore ed assegna il rigore che Marangon trasforma scivolando, scatenando le proteste dei granata locali che volevano un doppio tocco dell’attaccante nel momento del tiro dal dischetto. Prima dell’intervallo (37’) c’è pure un gol annullato giustamente a Boscolo Bisto per colpo di testa in fuorigioco su tiro di Delcarro che probabilmente sarebbe finito in porta.

Nella ripresa c’è subito, nella Clodiense, l’entrata in campo di Granziera per Bagatti, con Cuomo che avanza davanti alla difesa.

È comunque sempre l’Adriese a fare la partita al 16’ ed al 17’ prima Aliù e poi Buratto non gonfiano la rete da ottima posizione, mentre al 25’ Camerlengo si supera sulla botta di Aliù. Si vede anche la Clodiense al 26’ con una punizione scodellata in area da Nappello che danza davanti alla porta di Milan senza che nessuno riesca a spingerla in porta.

Al 48’ l’ultima opportunità per gli ospiti: Delcarro si trova di nuovo al posto giusto nel momento giusto ma allarga il piattone dall’altezza del dischetto e grazia la sua ex squadra. Finisce 1-1.

Daniele Zennaro