//Non riesce l’impresa
clodiense

Non riesce l’impresa

CLODIENSE

Dopo aver fermato la capolista Adriese, stavolta la Clodiense non riesce a stoppare la corsa dell’Arzignano, lanciato nella rincorsa proprio dei polesani. Vince la squadra di Daniele Di Donato per 2-1, sfruttando, nel finale, uno dei pochi errori della retroguardia granata. Eppure il gol di Djuric, dopo nemmeno 2’ di gioco, aveva illuso che potesse trattarsi di un altro pomeriggio positivo per i ragazzi di Vittadello ed invece tocca raccogliere i cocci dell’ennesima sconfitta stagione che tiene giù in classifica i chioggiotti che per conquistare la salvezza avranno bisogno di un autentico miracolo.

Vittadello cambia ancora lo scacchiere tattico, schierando Djuric e Cuomo davanti alla difesa e Nappello pronto ad innescare Fioretti, unica punta di ruolo. L’Arzignano risponde con un 4-2-4 che lascia intendere tutte le volontà bellicose nell’affrontare una gara che pure nasconde parecchie insidie. Pronti via e la Clodiense, dopo appena 2’, passa in vantaggio: croner di Nappello, Djuric si sgancia dalla marcatura di Forte ed insacca di testa (foto). La reazione dell’Arzignano è veemente e già al 9’ potrebbe arrivare il pari ma Pllumbaj calcia addosso ad un difensore da buona posizione. Al 12’ Odogwu aggira Granziera e poi spara sul primo palo ma Camerlengo risponde presente. Gol annullato agli ospiti al 18’ perché Pllumbaj, che tocca in rete su tiro di Valenti, è in fuorigioco. Al 22’ però l’Arzignano coglie i frutti dei suoi attacchi con Valenti che da destra, supera Acampora, si accentra e scaglia un missile terra aria che toglie le ragnatele dall’incrocio dei pali. La furia dei vicentini si placa e allora si rivede la Clodiense con Fioretti che calcia sul portiere in uscita.

Nella ripresa la partita è decisamente più equilibrata. Al 19’ però l’Arzignano ha un’altra chance notevole. Camerlengo sbaglia l’uscita, Odogwu tocca la palla che poi arriva a Pllumbaj che ancora una volta centra in pieno un difensore. La Clodiense però c’è e Nappello, al 22’, costringe agli straordinari il portiere Tosi con un tiro dal limite. Nappello che si rende pericoloso in altre due circostanze (26’ e 34’) ma non è assistito dalla fortuna. Al 39’ la svolta. Ballarin, già ammonito, abbatte Odogwu sulla trequarti e per l’arbitro scatta il secondo giallo. Sugli sviluppi della punizione, Camerlengo sbaglia ancora l’uscita e stavolta Ferri rimane freddo e batte a rete per il vantaggio gialloceleste. L’ultimo sussulto della gara arriva al 41’ con una bordata su punizione di Nappello alla quale si oppone ottimamente Tosi.

 Daniele Zennaro

(foto tratta da chioggianews24.it)