//…Chi ci sta? Bisogna collaborare
kursaal

…Chi ci sta? Bisogna collaborare

Acquistare e valorizzare il Kursaal, modernizzare il Lungomare

Alcuni giorni or sono il sindaco Alessandro Ferro ha annunciato l’intenzione di acquistare il Kursaal, messo in vendita l’anno scorso dalla Città Metropolitana, proprietaria per avere ereditato questo bene dalla Provincia. La struttura, attualmente inagibile, è stata valutata dall’Agenzia delle Entrate un milione e mezzo di euro.

Essa dispone di varie sale per uffici, mostre e corsi residenziali, di una sala teatro per spettacoli, convegni e concerti. Il sindaco ha precisato che procederà all’acquisto solo quando qualche associazione operante nel turismo si dichiarerà disposta a gestirlo. L’Associazione Albergatori A.S.A. e il Consorzio di Promozione Turistica “Lidi di Chioggia” giovedì 24 gennaio scorso hanno indetto una conferenza Stampa congiunta presso la sede in Sottomarina, in viale Verona, con all’OdG la “Proposta di riqualificazione del Kursaal Centro Congressi di Chioggia”.

Il presidente A.S.A. Giuliano Boscolo Cegion, dopo avere sottolineato che l’associazione da anni preme per risolvere il problema Kursaal abbandonato come un rudere in pieno lungomare, vista l’intenzione dell’Amministrazione Comunale di acquistarlo solo se c’è chi lo gestirà, si è detto “disposto non solo alla sua gestione ma a mettere addirittura sul tavolo € 360.000 per la sua ristrutturazione e a spenderne poi, altri 18.000 all’anno per la manutenzione ordinaria. Ci auguriamo – ha concluso il presidente A.S.A. – che ci sia qualche altra associazione disposta ad unirsi a noi nella gestione”. Ha sottolineato Paolo Boscolo Nale vice presidente degli albergatori: “Alcuni giorni fa con il presidente ci siamo recati a Venezia presso gli uffici della Città Metropolitana ove ci hanno invitato a sollecitare l’Amministrazione Comunale a concludere l’acquisto.

Dobbiamo al più presto riportare questa struttura accogliente e funzionante come lo era nel passato; siamo già in contatto con compagnie teatrali per portare come una volta spettacoli teatrali vari anche in estate. A Sottomarina nel periodo estivo oggi non si può fare nulla visto anche il degrado dell’arena Eleonora Duse”. Ha concluso il presidente dei “Lidi di Chioggia” Renzo Bonivento: “Siamo convinti che con l’avanzo di gestione questa partita si possa felicemente concludere anche se abbiamo portato il progetto all’Ogd (Organismo di gestione della destinazione) senza ottenere particolari reazioni”.

Circa il secondo punto all’O.d. G.: “Proposta di progetto Nuovo Lungomare Adriatico Sottomarina Lido”. “Il lungomare è fermo agli anni ‘60 del secolo scorso ha detto la vice presidente A.S.A. Eleonora Boscolo Nata, c’è bisogno di un suo restyling comprese le aree in prossimità, per dare nuovo appeal a Sottomarina. Le idee non mancano. Abbiamo un progetto di architettura che unisce in un’unica linea verde zona Reduci a san Felice, dove insistono i percorsi per la passeggiata, gli accessi al mare e le attività commerciali in un unico fronte ove le piazze, che si trovano lungo le direttrici est-ovest e il lungomare, possono diventare luoghi di ritrovo. Anche i soldi ci sono, basta solo la volontà di operare”. Conclude il vicepresidente degli albergatori Nale: “Ci sono spazi in viale C. Colombo oggi in degrado che potrebbero essere dati in concessione agli imprenditori, spazi che potrebbero diventare verde e, perché no, parcheggi, vista la grande necessità di entrambi”.

R.D.