//CONOSCIAMO I CANDIDATI LOCALI
candidati locali

CONOSCIAMO I CANDIDATI LOCALI

L’elenco di tutti i candidati di tutte le liste dei nostri collegi per Senato e Camera

Pier Paolo Baretta e Barbara Penzo (Pd)

Si sono presentati agli elettori chioggiotti

PD-candidati-Penzo-BarettaPier Paolo Baretta candidato al Senato e Barbara Penzo candidata alla Camera dei Deputati giovedì 15 febbraio scorso si sono presentati alla stampa a Chioggia. All’incontro anche un folto gruppo del Comitato No GPL e numerosi cittadini. Si è presentata per prima Barbara Penzo 48 anni, educatrice professionale presso la Direzione Coesione sociale del Comune di Venezia. Da sempre impegnata nel mondo dell’associazionismo e del volontariato, è stata per alcuni mesi assessore e poi candidata a sindaco nel 2016. Capogruppo del Pd in consiglio comunale, Penzo è candidata alla Camera nel collegio plurinominale di Venezia, in quarta posizione, preceduta dal ministro Marco Minniti, dall’onorevole Sara Moretto e da Nicola Pellicani (candidato anche nell’uninominale). “Politica – ha detto – per me vuole dire impegno, valori, programmi, idee. Cose che voglio portare alla mia città, in questo vuoto istituzionale che la sta isolando. Ritengo che la politica sia in grado di produrre un cambiamento e se mi sono candidata è perché ritengo di avere buone possibilità di farcela”.

Pier Paolo Baretta è nato a Venezia nel 1949, formatosi nell’associazionismo cattolico. Entrato nel sindacato, ha ricoperto vari incarichi sia in Veneto che a Roma, fino a diventare Segretario Generale Aggiunto della Cisl; Sottosegretario all’Economia e Finanze nei governi Letta, Renzi e Gentiloni. È candidato uninominale al Senato nel collegio che comprende Rovigo, Chioggia, Riviera del Brenta, Miranese, Cavarzere e Cona ecc. Se eletto, sarà alla sua 3ª legislatura. Sgravi contributivi per il settore della pesca, rifinanziamento della Legge Speciale per Venezia e Chioggia, incentivi per le imbarcazioni con motori ibridi, abolizione dell’Imu agricola e valorizzazione di Forte di San Felice, queste le principali azioni seguite personalmente da Roma. Tre gli impegni per il prossimo futuro: rilancio di Chioggia “di cui mi ero già interessato presentando un emendamento che è stato bocciato dal Movimento 5 Stelle”, risoluzione del problema delle case costruite su terreni del demanio e deposito Gpl, che va assolutamente chiuso. “Per raggiungere questi obiettivi – ha concluso il sottosegretario Baretta – è fondamentale risolvere il nodo della mobilità, sia per quanto riguarda la Romea che la linea ferroviaria”. È seguito, poi, per i due candidati, un intenso pomeriggio che li ha visti impegnati ad incontrare il mondo della pesca, del turismo, dell’agricoltura e alcuni comitati quali quello per la Romea e il No Gpl.

Donaggio

Diego Crivellari e Pier Paolo Baretta (Pd)

si sono presentati agli elettori polesani

Diego-CrivellariIn vista delle elezioni politiche l’on. Diego Crivellari (foto accanto), parlamentare uscente che si presenta nell’Uninominale di Rovigo Camera dei Deputati, da Melara a Porto Tolle, unico rappresentante per il Pd si è presentato nei giorni scorsi a Rovigo. Crivellari è nato a Torino da genitori polesani. Dal 1982 ha vissuto a Rosolina. Laureato in filosofia, ha conseguito un Master in editoria. Nel 2013 è stato eletto per la prima volta in Parlamento. Da tre anni vive a Rovigo, ama i libri, il cinema e lo sport. Molto il lavoro svolto in questi 5 anni: contributi per le periferie e la sicurezza, sostegno al Distretto della giostra, vari sgravi fiscali e agevolazioni per il settore della pesca, sostegno al settore turistico, impegno per l’ambiente con la Strategia nazionale delle aree interne, il Parco del Delta del Po, il fondo contro la subsidenza, presenza attiva e costante per la risoluzione delle diverse crisi aziendali del nostro territorio.

Insieme al polesano Crivellari si è presentato sul territorio anche il veneziano Pier Paolo Baretta, sottosegretario all’Economia e delle Finanze (foto accanto). Per 5 anni, al Governo, si è impegnato per rappresentare al meglio il Veneto, la sua storia, le sue necessità, le sue specificità. Si è battuto perché venissero riconosciuto risorse e investimenti in un’esperienza importante e vuole iniziare questa nuova sfida. Si presenta nel collegio uninominale del Senato di Rovigo, Chioggia, Riviera del Brenta. Il sottosegretario ha parlato di 5 anni di lavoro intenso, in cui il suo impegno è stato forte per le riforme, con l’abolizione del patto di stabilità per Regioni e Comuni, 47 miliardi di investimenti in 15 anni per le infrastrutture, 70 milioni per i piccoli Comuni e oltre 1,5 miliardi per le strade provinciali. Il suo è stato anche un impegno per meno slot in Veneto e dimezzamento in tre anni dei punti gioco, nonché la creazione di un fondo ristoro di 100 milioni in 4 anni alle vittime di reato bancario. Per il Polesine Baretta si è impegnato perché il territorio potesse contare su più risorse e investimenti quali: proroga al 2019 per i mutui con Cassa depositi e prestiti dei Comuni polesani colpiti dal sisma del 2012; 2,5 milioni per messa in sicurezza delle scuole del Polesine; 26 milioni per le aree di subsidenza del Delta del Po; stabilizzazione di precari Afam dei conservatori di Rovigo e Adria e 150 milioni per il progetto di riconversione di Porto Tolle. L’incontro di presentazione è stato guidato dalla giornalista Elisa Barion.

Zanetti

fortunato-GuarnieriFortunato Guarnieri (Liberi e Uguali)

“Scegliere una persona” è l’invito che fa il dott. Fortunato Guarnieri ai chioggiotti che andranno a votare il 4 marzo. Sottolinea: “Sono presente nel Collegio uninominale di Chioggia. Chi vorrà votarmi, nella scheda color rosa della Camera troverà già scritto il mio nome, che basterà segnare con una X”. Medico chirurgo, Fortunato Guarnieri è stato pure sindaco di Chioggia per due mandati consecutivi dal 1997 al 2007. Ha prestato servizio presso la divisione chirurgica dell’Ospedale di Chioggia, attualmente in quiescenza, esercita come volontario con Emergency, sia nell’ambulatorio di Marghera che in missioni in Campania, a Castelvolturno ed in Sicilia. Disilluso da una sinistra che fa politica di destra si è candidato alla Camera dei Deputati nel Collegio Uninominale di Chioggia per “Liberi e uguali” di Pietro Grasso, per restituire speranza nella democrazia a milioni di cittadine e cittadini che oggi non si sentono più rappresentati da nessuno e che hanno bisogno di un cambiamento concreto “nell’interesse dei molti che hanno poco e non dei pochi che hanno troppo”. “Il mio impegno – ci dice – sarà rivolto, oltre alla soluzione dei problemi di Chioggia, quali il suo isolamento, l’impianto di GPL, ecc., prevalentemente ad uno dei diritti fondamentali, il diritto alla salute, perché oggi sono milioni gli italiani che non si curano più per i costi aggiunti dal sistema sanitario”.

R.D.

 

Massimiliano-MalaspinaMassimiliano Malaspina (Grande Nord)

Il Grande Nord presente sia alla Camera che al Senato, candida  il chioggiotto Massimiliano Malaspina. “La mia presenza oltre che all’uninominale è anche nel proporzionale di Veneto 1 e Veneto 2. – spiega Malaspina – “Il voto di Chioggia è molto importante e determinante sulla vittoria degli schieramenti, ma ancora una volta vengono calpestati i diritti di rappresentanza di una così folta comunità. Noi ci candidiamo per difendere gli interessi del Nord, voteremo a favore di ogni iniziativa che possa essere utile ai nostri territori, non ci interesserà chi la propone, voteremo contrario a tutto quello che potrebbe non essere a nostro favore, già l’intero emiciclo parlamentare si interessa di tutti tranne che del nord. Avremo un compito sindacale a difesa dei nostri territori. Le dinamiche interne degli altri schieramenti ormai sono solo finalizzate alla spartizione delle poltrone e del potere, complice una legge elettorale creata apposta per questo, dove le segreterie di partito garantiscono il posto ai soliti noti. Nessuno pensava potessimo riuscire nell’impresa di presentare le liste, invece per il dispiacere di qualcuno ci siamo riusciti.

I miei ideali sono rimasti immutati, il mio vecchio partito li ha stravolti.”.

Vivy

 


Senato: Uninominale (per Chioggia e Polesine)

Collegio Veneto 04: provincia di Rovigo, Chioggia,Cavarzere, Cona e altri 13 comuni di Venezia: Campagna Lupia, Campolongo Maggiore, Camponogara, Dolo, Fiesso d’Artico, Fossò, Mira, Mirano, Pianiga, Salzano, Santa Maria di Sala, Stra e Vigonovo.

Pier Paolo Baretta (Partito Democratico-centrosinistra), Roberta Toffanin (Forza Italia-centrodestra), Micaela D’Aquino (Movimento 5 Stelle), Tania Azzalin (Liberi e uguali), Maria Teresa Bovolenta (Potere al popolo), Carla Rossi (Casa Pound), Massimiliano Malaspina (Grande Nord), Ettore Cassetta (Il Popolo della famiglia), Cesarina De Min (Per una sinistra rivoluzionaria).

Senato: Plurinominale (Proporzionale) – Veneto 01

Centrosinistra: Alleati: Pd (Andrea Ferrazzi, Laura Puppato, Pier Paolo Baretta, Lidia Maoret), Insieme (Daniela Larese Filon, Claudio Zussa, Annamaria Del Grande, Bruno Centanini), Civica Popolare (Massimo Mancini, Caterina Sopradassi, Massimo Pavan, Elena Lattanzio), +Europa (Emma Bonino, Massimiliano Iervolino, Diana Severati, Rocco Andrea Barone).

Da soli Leu (Alessia Petraglia, Giulio Marcon, Maria Chiara Eugenia Marangon, Cristiano Pavarin) e Pap (Gianluca Schiavon, Silvana Boldrin, Diego Foresti, Mara Fiorot).

Centrodestra: Alleati: Lega (Paola Saviane, Sonia Fregolent, Giampaolo Vallardi, Nadia Pizzol), Fi (Elisabetta Alberti Casellati, Niccolò Ghedini, Roberta Toffanin, Andrea Causin), Fd’I (Bartolomeo Amidei, Cinzia Masarin, Andrea Tomei, Monica Mazzoccoli), Noi con l’Italia Udc (Cinzia Monti, Ciro Cotena, Emanuela Munerato, Giuseppe Sissa).

Altri partiti: Grande Nord (Corrado Callegari, Maddalena Gottardo, Massimiliano Malaspina, Paola Giurin), Il Popolo della Famiglia (Carla Condurso, Ettore Cassetta, Silvana Oberto, Alberto Falzoni), Per una sinistra rivoluzionaria (Stefano D’Intinosante, Chiara Gasparini, Alessandro Busetto, Cesarina De Min), Casa Pound (Rosa De Nunzio, Piergiorgio Ronchi, Carla Rossi, Andrea Tino Bozza).

Camera: Uninominale (per Chioggia…)

Collegio Veneto 1-03: Chioggia,Cavarzere, Cona e altri 13 comuni in prov. di Venezia: Campagna Lupia, Campolongo Maggiore, Camponogara, Dolo, Fiesso d’Artico, Fossò, Mira, Mirano, Pianiga, Salzano, Santa Maria di Sala, Stra e Vigonovo.

Ketty Fogliani (Lega–centrodestra), Mario Dalla Tor (Civica Popolare Lorenzin-centrosinistra), Marco Dall’Acqua (M5S), Fortunato Guarnieri (Leu), Marcello Renier (Casa Pound), Giovanna Menegatti (Potere al popolo), Melania Rossetto (Il popolo della famiglia), Paolo Pizzolato (Grande Nord), Francesco Abruzzino (Pri-Ala).

Camera: Plurinominale (Proporzionale): Veneto 1-01

(in cui è compreso l’uninominae 1-03 insieme ad altri 3 collegi)

Centrosinistra: Pd (Marco Minniti, Sara Moretto, Nicola Pellicani, Barbara Penzo), +Europa (Roberto Capelli, Antonietta Margherita Rebuffoni, Michele Scibelli, Cristina Toso), Insieme (Franca Marcomin, Pietro Lotto, Arianna Novello, Sandro Scodeller), Civica Popolare (Mario Dalla Tor, Rosanna Maria Laudati, Stefano Tigani, Arianna Chiarenza).

Centrodestra: Simone Furlan (FI), Giorgia Ketty Fogliani (Lega), Raffaele Speranzon (Fd’I), Giancarlo Vigoni (Noi con l’Italia).

Altri partiti: Movimento 5 stelle: Alvise Maniero, Arianna Spessotto, Emanuele Cozzolino, Michela Da Rold; Liberi e Uguali: Michele Mognato, Marta Battistella, Pier Paolo Scelsi, Anita Fiorentino. Casa Pound: Lea Cariolin, Alessandro De Vecchi, Susanna Pettenuzzo, Marcello Renier.

Potere al popolo: Laura Di Lucia Coletti, Francesco Zennaro, Monica Coin, Ciro Verrati. Il popolo della famiglia: Nicoletta Mantovanelli, Carlo Nicoletti, Gloria Callarelli, Massimiliano Zannini. Grande Nord: Pierangelo Del Zotto, Deborah Rossetto, Lucio Gianni, Paola Giurin. Pri-Ala: Giulia Battista, Adino Rossi, Lucia Favaro, Tiziano Danieli

1

Collegio Veneto 2-01: Rovigo e provincia

Diego Crivellari (Pd-centrosinistra), Antonietta Giacometti (Lega-centrodestra), Emanuele Cozzolino (M5S), Sara Quaglia (Leu), Vincenzo Pellegrino (Pap), Marco Venuto (Casapound), Michele Ferraboli (Grande Nord), Davide Tarozzi (Popolo della famiglia), Roberto d’Archi (Dieci Volte Meglio).

Camera: Plurinominale (Proporzionale): Veneto 2-03

Centrosinistra: Pd: Gianni Dal Moro, Lucia Annibali, Diego Zardini, Isabella Roverani; Civica Popolare: Stefano Quaglia, Maria Cristina Acquaviva, Tullio Segato, Rosanna Maria Laudati; Intesa: Cinzia Politi, Roberto Pugiotto, Franca Marcomin, Brahim Azakay; +Europa: Marco De Andreis, Deborah Piovan, Antonio Stango, Federica Thiene.

Centrodestra: Fi: Lorena Milanato, Marco Marin, Sandra Savino, Renato Meneghel; Lega: Lorenzo Fontana, Vania Valbusa, Roberto Turri, Raika Marcazzan; Fd’I: Maria Caretta, Ciro Maschio, Elena Gagliardo, Alberto Padovani, Noi con l’Italia Udc: Patrizia Bisinella, Marco Vicentini, Michela Turco.

Altri partiti: Leu: Pierluigi Bersani, Michela Faccioli, Carlo Renato Massironi, Lucia Pollato; Pap: Elisabetta Muraro, Renzo Vendrasco, Paola Panziera, Giuseppe Fiorenzo Fasoli);

Casapound: Andrea Bonazza, Piera Benciolini, Israel Vinco, Gloria Frezza; Popolo della famiglia: Filippo Grigolini, Paola Maria Zerman, Antonio Zerman, Beatrice Gragnato; Grande Nord: Laura Garbuio, Michele Ferraboli, Deborah Rossetto, Giorgio Tronca).