//LIBRI n.11-2019
libri-12-19

LIBRI n.11-2019

Nei tornanti della storia

Cattolicesimo-nazionalismo-e-cosmopolitismo

Per chi intenda farsi un’idea del cambiamento della posizione della Chiesa nel mondo dopo il Concilio Vaticano II, questo libro offre una mappa preziosa. Il pontificato di Francesco ha spostato l’accento dalla Lumen Gentium, che considera l’identità della Chiesa, alla Gaudium et Spes, che considera la Chiesa nel suo rapporto con il mondo. L’autore, uno studioso italiano che vive da 10 anni in America, percorre da un punto di vista inedito tutta una serie di problemi. Il primo capitolo esamina la condizione dei religiosi dopo il Concilio, rilevando che la prevalenza data alla Chiesa istituzionale ne ha ridotto e marginalizzato l’apporto. Il secondo capitolo esamina la novità dei movimenti nella vita della Chiesa, che fino ad allora aveva privilegiato un’organizzazione prevalentemente territoriale dell’azione pastorale. Di seguito, viene esaminato il rapporto con la società, la politica, la globalizzazione e tanti elementi connessi. Sorprendono l’acutezza e l’equilibrio di giudizio, insieme con l’accuratezza dell’informazione dell’autore, pur nella spigliata sobrietà del suo discorrere. Papa Francesco costituisce il tornante di una storia che avanza, ricca del suo passato, ma non inceppata da esso. 

Angelo Busetto

Massimo Faggioli, Cattolicesimo, nazionalismo, cosmopolitismo. Chiesa, società e politica dal Vaticano II a papa Francesco. Armando Editore, Roma 2018, pp. 176, € 15.00.

L’altra religione

il-cristiano

La galassia dell’occultismo e del satanismo viene dettagliatamente descritta, nei numeri impressionanti e nell’imponenza dell’estensione. L’indice distingue occultismo, spiritismo, satanismo, magia, specificandone poi il rapporto con gli angeli; quindi, massoneria, musica del diavolo, e diavolo a suon di musica, rock blasfemo e rock cristiano. In appendice la preghiera di liberazione e un glossario sull’occultismo.

 a. b.

Marcello Stanzione, Il cristiano e la sfida dell’occultismo e della musica satanica, Edizioni Segno, Udine 2018, pp. 138, € 12,00.

Il martirio di don Peppino

la-caduta-di-Gomorra

Il libro di Luigi Ferraiuolo, giornalista e redattore di Tv2000, è, purtroppo, tristemente attuale (ce lo dimostrano i fatti che spesso i telegiornali riportano) e leggerlo aiuterà il lettore a far chiarezza, per quanto possibile sul fenomeno camorristico. Nel contempo, sarà davvero educativo conoscere la figura di don Peppe Diana (“prete scomodo ammazzato dalla camorra a 36 anni, nel marzo ’94”), perché la sua vita e la sua morte sanno mettere in evidenza “quanto grande sia la potenza generativa del bene”. Nel libro si parla ampiamente delle numerose cooperative sociali sorte a Casal di Principe e dintorni, ispirate dalla figura di Don Diana: un prete che seppe aprire gli occhi a moltissime persone e soprattutto dare la vita per amore del suo popolo. L’autore scrive di lui che “doveva morire perché si era spinto troppo avanti. Perché aveva parlato troppo, aveva aperto troppe menti, troppi cuori, troppi occhi”. C’è da augurarsi che il testo di Ferraiuolo sortisca l’effetto di aprire altre menti, altri cuori, altri occhi, così da rendere sempre attuali le sue parole: “Il martirio di don Peppino ha seminato bene”. 

Alfreda Rosteghin

Luigi Ferraiuolo, Don Peppe Diana e la caduta di Gomorra, Ed. San Paolo, Cinisello Balsamo 2019, pag. 186, € 17,00.