//Categorie preoccupate
vgate

Categorie preoccupate

VGATE

Perplessità sul porto d’altura in prossimità di Sottomarina e Isola Verde

Nuove preoccupazioni in città per la notizia di un’audizione a Roma dei vertici della società Vgate, promotrice del progetto per realizzare un porto d’altura a km. 2,8 dalla costa di Sottomarina e Isola Verde. L’audizione, avvenuta la scorsa settimana al Ministero dell’Ambiente in vista dell’avvio della Valutazione di impatto ambientale (Via), fa tremare in particolare le categorie turistiche, nettamente contrarie all’opera, che temono possa diventare “un nuovo gpl”. Nulla è stato ancora deciso e tutti ribadiscono che il progetto è alla fase di scoping, ovvero di raccolta degli “umori” in vista della Via, ma già il fatto che a Roma se ne parli basta per accendere timori. «Siamo molto preoccupati», spiega il presidente degli albergatori, Giuliano Boscolo Cegion, «avremmo preferito che il Comune inviasse al Ministero una nota in cui prendeva una posizione chiara contro il progetto. Invitiamo il sindaco Alessandro Ferro a farlo ora, in modo netto e senza esitazioni, per non ritrovarci a subire decisioni calate dall’alto, come nel caso del deposito gpl». Al momento il Comune non ha espresso nessun parere, inviando al Ministero, così come era stato chiesto, un documento con richieste di approfondimenti in vista della Via. Il documento, discusso per quattro ore nel Consiglio comunale di fine gennaio, mantiene una posizione possibilista e chiede approfondimenti sulle ricadute ambientali, economiche e fisiche, riservandosi di esprimere un giudizio nel merito solo dopo aver ottenuto risposte tecniche precise. Il documento pone anche tre precondizioni per procedere nell’eventuale vaglio del progetto: nuove infrastrutture (Romea commerciale, ferrovia); opere di mitigazione consistenti; ampliamento del progetto inserendo la crocieristica o il mercato ittico. E proprio le tre richieste, ribadite nel caso della Romea commerciale anche dalla Città metropolitana, fanno spaventare ancor di più le categorie che temono che ci possa essere una trattativa sulla merce di scambio. «Il fatto che non ci sia una presa di posizione netta contro questa ipotesi scellerata», spiega il presidente dei balneari Ascot, Giorgio Bellemo, «non può non preoccuparci tanto più che è notizia di questi giorni la costituenda Zes e gli accordi commerciali con la Cina… Siamo stati anni ad aspettare un ponte, che ponte non è perché si tratta di difesa dal cuneo salino, siamo stati anni a attendere norme attente alle dinamiche imprenditoriali che diano possibilità di sviluppo al turismo che non vengono mai votate… Come non pensare che ci sia già un accordo? Triplicheremo la Romea? Avremo nuove linee ferroviarie? Ci sembra un film già visto e questo ci spaventa non poco». 

Elisabetta Boscolo Anzoletti