//Brevi dal Delta n.19-2019

Brevi dal Delta n.19-2019

* GIORGIO: UNA STORIA CHE FA RI- FLETTERE – [Delta]. La società moderna oscilla tra egoismo e generosità. L’egoismo è sempre stato connaturale all’uomo, mentre la generosità (in questi ultimi tempi) “esplode” soprattutto in occasione di eventi che trovano risonanza nella stampa e nelle televisioni. Il piccolo Giorgio ne è un esempio. Ma teniamo presente che ci sono tanti altri “Giorgio” che anche se più sfortunati di lui non suscitano una uguale attenzione.

* BASTA POCO: SORRIDERE AL DISABILE E AI PARENTI – [Delta]. “Non parla, non vede, non cammina… Ma un sorriso in più da coloro che ci circondano può davvero cambiare la giornata e ripaga più di mille parole!” (da Lo- renzo Frigato – “Valentina, mia figlia”).

* IL BENVENUTO DEI DELFINI AI PRIMI SPIAGGIANTI – [Barricata]. È stato uno spettacolo veramente bello, quello che hanno potuto vedere i turisti che passeggiavano sulla spiaggia in riva al mare la scorsa settimana. Due delfini, a poca distanza dalla riva, con le loro acrobatiche evoluzioni hanno catturato l’attenzione e l’ammirazione della gente. Sono stati fotografati da una turista, che ha passato le belle immagini e sono state messe in inter- net.

* INCONTRO ALL’ORATORIO: ALLEGRIA E GIOCHI – [Porto Viro]. Vale la pena di ri- portare una notizia del 1° maggio, perché si di- scosta alquanto dalle notizie di quel giorno. Al Centro salesiano di San Giusto si sono recate centinaia di famiglie che hanno vissuto la “Fe- sta” in modo veramente attivo. Dopo la messa, ci sono stati tornei di calcio (decine di squadre in lizza), stand gastronomico, stand lavoretti delle mamme, calcio balilla, braccio di ferro, esposizioni artistiche e fotografiche, ecc. ecc.

* PRANZO E… ARRIVEDERCI A DOPO L’E- STATE – [Taglio di Po]. Il gruppo parrocchia- le “Terza Età” si è dato appuntamento all’O- ratorio a conclusione degli incontri iniziati lo scorso autunno. Il pranzo ha segnato la pausa degli incontri, che riprenderanno dopo l’estate. Anni addietro ci si trovava e si partiva in bici- cletta per il pranzo in un’azienda agricola, che si raggiungeva pedalando. Gli anni passano e… in bicicletta, oggi, sarebbero pochi quelli che partirebbero per l’azienda agricola. Il parroco frate Maurizio Vanti ha offerto una appetitosa soluzione!

* IN NOME DELLA COSTITUZIONE: AU- TONOMIA DEL VENETO – [Taglio di Po].
Il consigliere di minoranza Renato Pregnolato ha chiesto di discutere in Consiglio Comunale la questione dell’autonomia del Veneto, come richiede ai Comuni del Veneto il movimento “Patto per l’Autonomia”. Dopo il referendum (favorevole al 98%) a Roma si tira per le lunghe ed è facile capirne il motivo. Ma c’è qualche forza politica veneta che non è del tutto entu- siasta di vedere il Veneto autonomo. In questo caso difficile è capire il perché! Mah, misteri della politica! I Romani antichi si chiedevano “Cui prodest?” (= A chi giova?).

* LEZIONE ARTISTICA: IMITARE I MA- DONNARI – [Loreo]. Gli alunni di 4a e 5a della scuola primaria, dopo aver ascoltato la lezione “teorica” di storia dell’arte tenuta dal maestro Fabio M. Fedele, si sono cimentati
in una prova pratica. Seduti per terra come i “madonnari”, con gessi colorati in mano hanno riprodotto figure e disegni su fogli che erano stesi sul pavimento. È stata un’esperienza che non dimenticheranno mai!

* SOCIOLOGIA AL BAR: EDUCAZIONE DEI FIGLI – [Delta]. El Gigio lege in tel giornale un articolo su una conferenza dove che i dixe: “Se (i genitori) parlano male delle maestre da- vanti ai loro figli, insegnano a questi a non fi- darsi di nessuno”. Commente el Toni: “L’è pro- prio l’ora che qualcun incominxi a parlar ciaro senza ripetere le stupidaggini che da qualche decennio semo costretti a sentire da parte de zente che de l’educaxion dei fioi non i capixe proprio niente, e i parle come se lori i fusse la verità e invexe i dixe delle gran idioxie!”.

A. Bullo