//Qualità confermata
Chioggia-Bandiera-Blu

Qualità confermata

AMBIENTE E SALUTE

Sottomarina ancora Bandiera Blu

Roma 3 maggio 2019. Salgo- no a 183 i Comuni italiani premiati con la Bandiera blu, il riconoscimento della Fee (Foundation for Environmental
Education) alle località costiereper la qualità delle rispettive acque
di balneazione rispondente ai parametri stabiliti da Arpa (le Agenzie Regionali per la Protezione dell’Ambiente), nell’ambito del programma nazionale di monitoraggio condotto dal ministero della Salute in collaborazione con quello dell’Ambiente, nonché al servizio offerto, come p.e. la pulizia delle spiagge e gli approdi turistici. L’Italia da sola ha ottenuto il 10% delle bandiere blu a livello mondiale con otto new entry. 4 le località che perdono il titolo quest’anno. Per quanto riguar- da la classifica per regione: in testa la Liguria con 30 bandiere, seconda la Toscana con 19, terza la Campania con 18 seguono le Marche 15,la Sardegna 14, la Puglia 13, la Calabria 11, l’Abruzzo 10 e Lazio 9. Il Veneto ha ottenuto 8 bandiere (Rosolina, Caorle, Cavallino Treporti, Chioggia, Eraclea, Jesolo, San Michele al Tagliamento e Venezia), se- guono l’Emilia-Romagna e Sicilia 7, Basilicata 5, Friuli Venezia Giulia 2. Ultimo il Molise con una sola località premiata. “Il riconoscimento della Bandiera Blu – ha dichiarato Stefano Laporta, presidente Ispra e Snpa alla premiazione – non è soltanto un’etichetta, ma un’esortazione a migliorare e a promuovere la cultura ambientale, oltre che il segno evidente di come turismo e sostenibilità possano andare di pari passo e coniugarsi. Il nostro è un Paese dove l’impronta turistica è forte e diventa fondamentale diffondere stili di vita che vadano nella direzio- ne dell’economia circolare e del rispetto dell’ambiente”.

Per Chioggia, a ritirare a Roma il riconoscimento internazionale il vicesindaco e assessore all’Ambiente Marco Veronese e il presidente del Consiglio Comunale Endri Bullo. “Sono molti i criteri che ogni anno concorrono all’assegnazione della Bandiera Blu – spiega il vicesindaco, – il più im- portante è senza dubbio quello della qualità delle acque di balneazione, ma tra gli altri parametri presi in esame dalla FEE si trovano anche: la depurazione delle acque reflue, la gestione dei rifiuti, la regolamenta- zione del traffico veicolare, la sicurezza ed i servizi in spiaggia. Non ul- timi, l’educazione ambientale e l’informazione sulle iniziative ambien- tali messe in atto; mi sento di dire che su questi temi la nostra città sia molto attiva, ad esempio con le giornate di raccolta dei rifiuti, ma ogni anno sapremo migliorarci per preservare non solo il riconoscimento, ma soprattutto l’ambiente che ci circonda”. “La conferma per il 6° anno consecutivo della Bandiera Blu è una bella soddisfazione per le nostre spiagge – aggiunge il presidente del Consiglio Comunale – frutto an- che della fattiva collaborazione con le associazioni di categoria, che ringraziamo. Ma questo premio non ci deve fermare nell’ottica di un miglioramento costante, perché Chioggia e il suo litorale siano sempre più presenza di tutto rispetto nel panorama balneare italiano”. Il ri- conoscimento internazionale – come riporta il portale del Programma Bandiera Blu – è stato istituito nel 1987 Anno europeo dell’Ambiente. Viene assegnato ogni anno in 49 paesi, inizialmente solo europei, più recentemente anche extra-europei, con il supporto e la partecipazione delle due agenzie dell’ONU: UNEP (Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente) e UNWTO (Organizzazione Mondiale del Turismo) con cui FEE ha sottoscritto un protocollo di partnership globale. FEE è pure riconosciuta dall’UNESCO come leader mondiale per l’educazione am- bientale e l’educazione allo sviluppo sostenibile. 

R.D.