//Interventi straordinari
scuola-media-elia-maestri-taglio-di-po

Interventi straordinari

TAGLIO DI PO

Scuole elia maestri e G. Pascoli

Contributo del Ministero per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca/Regione del Veneto per la ristrutturazione della scuola media “Elia Maestri” e della collegata scuola elementare “Giovanni Pascoli”, sede pure dell’Istituto Comprensivo, in via Manzoni 1, di Taglio di Po. Nell’ambito degli interventi straordinari per l’edilizia scolastica finanziati dal Ministero per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca e gestiti di concerto con la Regione del Veneto, il Comune di Taglio di Po è risultato beneficiario di un contributo per investimenti di circa € 2.600.000, a fronte di un progetto preliminare di circa € 2.900.000 per la ristrutturazione degli edifici scolastici sopra citati. I lavori riguarderanno la messa in sicurezza complessiva dell’edificio e si articoleranno su 3 filoni principali: antisismica, antincendio e miglioramento delle prestazioni energetiche. “Questi interventi – spiega con soddisfazione il sindaco Francesco Siviero – finalmente ci permetteranno di avere un edificio all’avanguardia sia in termini di sicurezza che di funzionalità. Sono già iniziati gli incontri necessari a sviluppare una progettazione condivisa, in grado di dare risposte concrete alle esigenze di tutti i fruitori di uno dei complessi scolastici più importanti del Comune di Taglio di Po, sia in termini di ampiezza che di utilizzatori che, complessivamente, sono 391 (“G. Pascoli” 171 allievi, 15 docenti e 2 Ata; “E. Maestri” 168 allievi, 28 docenti e 6 tra personale Ata e amministrativi, 1 dirigente dell’Istituto comprensivo). “Questo contributo, che finanzia il progetto complessivo per quasi il 90% – continua il sindaco Siviero -, rappresenta una grande opportunità di sviluppo per il nostro territorio, sia per proiettare nel futuro uno dei più importanti edifici del Comune, che per creare nuovi filoni di investimento che sicuramente avranno una ricaduta notevole su Taglio di Po e sui Comuni limitrofi”. “Ora è necessario lavorare a testa bassa – conclude il sindaco Siviero -, l’importo è notevole, ma i tempi sono abbastanza stretti, infatti è necessario aggiudicare i lavori entro il 5 maggio 2020, pena la revoca del contributo. Nonostante questo, siamo sicuri di riuscire nel nostro intento”.

Giannino Dian