//Per S. Antonin da Po
Antonin-da-Po

Per S. Antonin da Po

PORTO VIRO – Parrocchia di San Bartolomeo

Tradizione rispettata al capitello lungo la golena del fiume

Sono ormai 29 anni che i fedeli, e non solo loro, si ritrovano presso il capitello presente nella golena di Contarina, parrocchia di San Bartolomeo, per tributare onore e ringraziamento a sant’Antonio da Padova grazie ad una piccola statua (circa cm 20) rinvenuta diversi anni prima tra le acque limacciose del Po e qui approdata dopo un percorso alluvionale delle cui tracce si tramandano racconti non sempre documentabili. Avvenimento questo ritenuto segno significativo della protezione del Santo per tutta la zona. Sul posto fu costruito un piccolo capitello che nel tempo fu restaurato e abbellito con il lavoro e l’intervento del comm. Zaia a nome dei reduci di guerra nel 1990. È da questa data che, dopo la celebrazione della s. Messa delle ore 20.30, si danno appuntamento centinaia, e oltre, di persone per la processione con la statuetta, protetta da una campana di vetro ornata di fiori, che parte dal capitello e passa per Corso Risorgimento svoltando per via Zara e ancora per via Gorizia e di seguito salendo sull’argine principale del fiume per ritornare al capitello e da qui impartire la benedizione al fiume Po che tanto ha condizionato e condiziona le vicende della popolazione. Questa edizione 2019 sarà ricordata, a parere di molti, anche per un annuncio di grande impatto sul futuro della chiesetta comunicato dal parroco don Alfonso che ha presieduto la concelebrazione con don Stefano parroco dell’Unità pastorale Donada-Taglio di Donada-Donada, don Giuseppe co-parroco di San Bartolomeo, del salesiano don Pino, don Giannantonio parroco di Scalon, don Fabrizio cooperatore dell’unità pastorale donadese e p. Giancarlo della Comunità missionaria di Villaregia. Nell’omelia don Alfonso ha rievocato la personalità di sant’Antonio: “Uomo di grandi passioni per Cristo, per la Chiesa, per le sue missioni e per l’umiltà nei compiti della quotidianità”. Il parroco ha anche annunciato il passaggio di proprietà del Capitello alla Parrocchia cui manca solo l’ufficialità burocratica. Grande allora le emozioni nel saper ciò grazie alla disponibilità del proprietario del terreno (famiglia Vianello) e la generosità dei volontari che si “spendono” nella cura dell’annuale cerimonia e, stavolta, anche raccogliendo le risorse necessarie con la spiegazione: “Che ne sarà di tutto questo quando verranno meno nel tempo i volontari?”. Aggiunge don Alfonso: “E quando ci sarà penuria di sacerdoti bisognerà pur dare stabilità nel futuro a questo splendido presente”. Un presente spiegato e spiegabile con l’impegno a vario titolo di quanti hanno collaborato e che la “volontaria” Teresa ha elencato minuziosamente al termine: “L’Amministrazione comunale (sindaco Maura Veronese con il vicesindaco Doriano Mancin ed il presidente del Consiglio Adams Ferro), le Autorità civili e militari dei Carabinieri e Polizia locale il cui comandante Mario Mantovan ha curato la stampa dei “santini”, la Protezione civile, i Marinai, i Bersaglieri, i Lagunari, i Reduci, i Fanti, gli Autieri ed i Finanzieri, il Coro parrocchiale. L’aiuto ai “volontari” – ha proseguito – è arrivato da tutte le Associazioni, dai Gruppi di Preghiera, dalla Casa di cura Madonna della salute, dalla ditta Fecchio per l’illuminazione, dalla sig.ra Mirella e figlie per l’addobbo floreale”. Non sono mancati i riconoscimenti al sig. Giancarlo Mancin (vero deus ex machina) per la sua costante presenza e disponibilità; alla Banda musicale diretta da Paolo Sottovia che dopo l’accompagnamento della processione, ha eseguito, al termine di tutto, un concerto. Infine, la volontaria e intraprendente sig.ra Teresa ha concluso: “Il ringraziamento va tutte voi persone presenti che con la vostra partecipazione perpetuate questa manifestazione così significativa per la nostra comunità”. Senza dimenticare – doverosamente – la sig.ra Gianna che nei giorni seguenti dopo la “festa” si è data da fare per riporre gli arredi e di quanto sarà utile per il 2020. 

Francesco Ferro