//Dal basket al calcio al tennis
tennis club porto tolle ok

Dal basket al calcio al tennis

SPORT PORTOTOLLESE

* Anche il basket Porto Tolle ha festeggiato in un noto locale deltino il termine dell’anno sportivo. Non poteva mancare la relazione di base del presidente Filippo Ruzza: “Siamo orgogliosi di essere qui in tanti. In pochissimo tempo siamo riusciti a trasformare questo evento di fine stagione da una cena per pochi amici ad una festa che coinvolge tutta la comunità. Sfioriamo le duecento persone, obiettivo per noi impensabile alla costituzione del nostro progetto. Per questo dobbiamo ringraziare in primis Alessandro Rossetti, vera anima del gruppo, instancabile. Alle sue spalle, però, troviamo un gruppo importante che si adopera per raggiungere l’obiettivo. Poi sono stato impressionato dalla risposta pratica di molti genitori che, nel prosieguo dei campionati, dimostrano di essere figure essenziali nel contribuire alla crescita sportiva ed educativa dei giovanissimi atleti che arrivano già ad essere una settantina tra minibasket e under”. E chiude così il presidente Ruzza: “Un grazie doveroso anche ad Alex Salmi, Carlotta e Giada per le loro presenze tecniche nei vari comparti. Un ringraziamento anche agli sponsor senza dei quali non si va da nessuna parte”.

* L’assessorato allo sport del Comune di Porto Tolle ha concesso un contributo per alcune manifestazioni sportive svoltesi sul territorio. La determina del provvedimento prevede un contributo di € 300 in favore dell’Asd Ciclo Delta 2.0 per la manifestazione sportiva “4° Oasi di Ca’ Mello Day”; € 300 alla stessa società per il “15° Fondo Delta del Po”; € 400 all’Asd Porto Tolle 2010 per il 2° Torneo nazionale di calcio pulcini Delta del Po; € 400 alla stessa società per il 19° torneo nazionale di calcio giovanile Delta del Po e infine € 600 all’associazione “Amici di Moreno” di Scardovari per il 13° torneo “Memorial Moreno De Bei”. 

* Per il calcio segnaliamo che l’estroso e forte centrocampista deltino Giacomo Marangon, attualmente in forza dell’Adriese, è a un passo dalla Clodiense. Lo scrivono ormai tutti e le chiacchiere estive si infittiscono sempre di più, dando l’impressione che sia proprio vero. Manca solo l’ufficialità. Ci aveva provato anche il Delta tentando per “l’amore verso la propria terra natìa visto che Marangon è un portotollese doc”, ma la proposta della nuova Società granata di Vittadello & C. pare sia migliore e quindi il salto da Adria a Chioggia è quasi sicuro. Niente di nuovo sul sito del Delta: “è in preparazione con le notizie del campionato 2019/2020”.

Qui Scardovari. Sembrerebbe molto probabile la partenza da Scardovari (verso Mesola?) dei fratelli Corradin, Mirco e Mattia. Divergenze economiche i motivi dell’abbandono della casacca gialloblù del presidente Pandora che però pare non voglia mollare facilmente Mirco Corradin. Un’altra pedina scardovarese potrebbe lasciare “i pescatori”: si parla di Ludovico Paganin, centrocampista. Ignota per ora la sua destinazione. Felipe Franzoso è passato invece alla corte del Polesine Camerini di Damiano Tessarin.

Tennis club Porto Tolle. 40 giovani in festa per la chiusura dell’attività. Grazie alle strutture esistenti sia coperte che nei campi di terra rossa, si sono conclusi in contemporanea i tornei giovanili con gli istruttori Davide Rossetti e Federico Vendemmiati che li hanno sapientemente gestiti per tutto l’inverno. I ragazzi hanno dato dimostrazione delle loro capacità, avendo accumulato esperienza e bravura. Alle premiazioni non potevano mancare l’inossidabile presidente Giannino Finotti e il ds Giovanni Bardella che hanno elogiato l’operato dei soci istruttori. Graditissima come sempre la presenza dei genitori che accompagnano sempre i loro bambini dando un senso di socialità in questo bellissimo sport. E i futuri pilastri del tennis club Porto Tolle hanno mostrato nei tabelloni e nelle foto il grande lavoro svolto. Nel saluto finale, dopo le premiazioni e il buffet, il presidente Finotti ha invitato i presenti e gli amici dei presenti a continuare su questa strada per completare sempre di più il loro lavoro. (nella foto sotto). 

Z. L.