//Sapori e colori di Chioggia, il cibo è cultura
sapori-e-colori

Sapori e colori di Chioggia, il cibo è cultura

PRESENTAZIONE DI UN NUOVO LIBRO

Splendido volume creato da Dino Memmo e Sergio Ravagnan con il coordinamento editoriale di Giorgio De Bei: “Sapori e colori di Chioggia”. Nato da un lungo lavoro preparatorio che ha visto coniugarsi le illustrazioni, la grafia e l’impaginazione di Dino Memmo con le ricerche storiche di Sergio Ravagnan, la cui scrittura accattivante ed evocativa di odori e sapori, conduce il lettore in una immersione totale nell’atmosfera clodiense. Dino Memmo, entrando nei panni di un moderno amanuense, ha trascritto tutti i testi ed illustrato con delicati tratti immagini reali, ma nello stesso tempo, trasfigurate dal lirismo. Alla rappresentazione degli alimenti si alternano caratteristici scorci della città magistralmente tratteggiati da un artista che si fa voce di una comunità semplice e genuina come i suoi cibi, leggibile, ma nello stesso tempo carica di magia. Tutto è “fatto a mano” attraverso matite acquerelli e pastelli. La passione di Giorgio De Bei si rispecchia nelle scelte tecniche dei colori e delle carte utilizzati per impreziosire il testo. Un libro nato per fare conoscere le caratteristiche di un luogo unico, dove sono fusi assieme in un armonioso equilibrio, mare terra e laguna. Il volume, stampato dalle Grafiche Tiozzo, si presenta già ad un primo approccio bello ed elegante, degno di figurare in ogni biblioteca che si rispetti. Preceduto da una introduzione sulla cultura del cibo e sui suoi significati di Emanuele Viscuso, Delegato Emerito dell’Accademia Italiana della Cucina, questo libro è una miniera di notizie, informazioni e curiosità su tutto quello che a Chioggia significa alimentazione. La cucina, però, non è solo sapori, ma narra la storia di una comunità con richiami, ad esempio, ad un passato in cui si era più poveri ma felici, nel quale non esisteva lo spreco e si recuperava e riciclava il cibo con sapienza. Grazie alla cura di Sergio Ravagnan brani letterari, poesie e storie si intrecciano con aneddoti e ricette. La prima sezione ospita citazioni che testimoniano quanto Chioggia abbia colpito la fantasia degli scrittori. A seguire l’elenco di pesci, crostacei e molluschi, polenta, carne, ortaggi e dolci. Dalla zucca al radicchio, dai fasolari ai bossolà, la tradizione culinaria viene declinata attraverso le stagioni in un “concerto” armonioso. Una sezione è dedicata alla famosa Sagra del Pesce e, a conclusione, nuove ricette fornite da ristoranti e trattorie locali, che testimoniano come si continui con creatività la tradizione della città e si trasmetta l’idea di una Chioggia vitale sempre in cammino.

Nella Talamini