//FLASH DA PORTO TOLLE n.33-2019

FLASH DA PORTO TOLLE n.33-2019

*Ci siamo. Parte la 56ª Fiera del Delta che tradizionalmente chiude il ciclo delle numerose feste e sagre che hanno riempito il carnet estivo sul territorio. Sembrerebbe un programma semplice ma a detta degli organizzatori, Comune e Pro loco, raccoglie il meglio della musica e, per gli amanti dei prodotti locali, la miglior cucina deltina. E’ proprio così se pensiamo che lo stand è gestito dai comitati fiera di Porto Tolle che si daranno da fare per presentare agli ospiti il meglio dell’arte culinaria del nostro Delta. Poi tanta musica con il clou proprio giovedì 5, con lo spettacolo “Voglio tornare negli anni 90” musica per tutte le età. Il venerdì la serata danzante con Ilaria Veronese e il senso unico e a seguire 7 e 8 settembre le serate per i giovani con il tributo ai Queen e ai Pooh. Non manca la classica, orami, tombola di 3000 euro. Mostre mercatini e luna park a corredo di questa quattro giorni di fiera nel Delta del Po a Porto Tolle.

* Il settore giovanile del Porto Tolle 2010 si è presentato per l’inizio dell’attività sportiva con la bella novità per la nuova sede operativa presso il campo sportivo di via L.Brunetti di Ca’ Tiepolo. Qui sono in corso alcuni lavori di sistemazione dell’impianto e, tra questi, la ricostruzione degli spogliatoi come hanno detto il sindaco Pizzoli e l’ass. allo sport Vendemmiati presenti alla riunione. La nota di base è stata svolta dal direttore generale Lorenzo Marangon, presenti i massimi responsabili del sodalizio. Il presidente Piero Carnacina ha confermato che tutti gli iscritti riceveranno il completo di allenamento, mentre le varie attività incominceranno lunedì 8 settembre.

* Si sono svolti nella chiesa del Redentore a Scardovari i funerali di Giovanni Greguoldo di 64 anni. Strappato alla famiglia dal più terribile dei mali del secolo, Giovanni lascia la moglie, i figli, il papà Giuseppe, i fratelli, i nipoti, parenti e gli amici. Greguoldo era molto conosciuto  nell’ambiente lavorativo per essere stato dipendente del Consorzio pescatori. Faceva parte del complesso musicale “I Ragazzi del Po” che sin dagli anni ‘60 ha portato la bella musica in tutto il Delta. Anche noi della redazione ci associamo al grave lutto della famiglia.

* Con una determina della responsabile del servizio Armida Panizzo, il Comune di Porto Tolle ha assunto l’impegno per una spesa di 3.500 euro, in favore dell’ Associazione Anteas Cisl di Porto Tolle per lo svolgimento dei servizi di viabilità scolastica.

* L’Associazione Natura e Cultura “Aqua” organizza l’ 11ª pedalata dei Sapori nel Delta del Po, in bicicletta per 25 km lungo la strada arginale della Sacca di Scardovari dove si può ammirare uno dei paesaggi più suggestivi del Delta e gustare squisite prelibatezze del territorio. Una staffetta sfiziosa per appassionati di natura e di buon cibo, con tappe gustose a base di prodotti tipici locali. Il tutto domenica 15 settembre con ritrovo presso l’Oasi di Ca’ Mello. Per info e prenotazione obbligatoria: 3452518596 – info@aqua-deltadelpo.com

* Ad un concorso di bellezza anche una mamma di Pila ha avuto il suo momento di gioia. Si tratta di Chiara Crivellari, 42 anni, sarta. Il festival si è svolto a Tombolo di Padova ed è valido per le pre finali nazionali di miss Mamma Italiana 2020.

* Il 14/9, a Pila, ore 18, benedizione e inaugurazione della nuova trattoria di Azzalin Marco, intitolata “Gente di mare”. Tutti sono invitati.

* Domenica 15/9, nella chiesa di S.Giacomo di Boccasette, “Nozze d’argento” nel 25° anniversario di matrimonio di Alberto Bergantin e Martina Franzoso. Insieme alla figlia Gaia, la comunità cristiana si unisce alla gioia di questi sposi cristiani che rinnovano il loro “Sì” a Cristo nella Chiesa. Questa la nota apparsa sul foglietto parrocchiale dell’Unità pastorale dell’Isola di Ca’ Venier.

* Curiosità: in Veneto la maggior parte degli spostamenti avviene in auto, anche su percorsi inferiori a 5 km. Questo è uno dei motivi principali per cui il 70% degli adulti e il 75% dei bambini non fa abbastanza movimento. Tragitti entro 1-3-5 km potrebbero facilmente essere percorsi in bicicletta o a piedi con tempi non superiori ai 30 minuti che corrispondono ai livelli di attività fisica raccomandati. E se devi usare l’auto, parcheggia e fai un piccolo tragitto a piedi! Camminare e andare in bicicletta è divertente e fa bene alla salute…anche nei nostri paesi e città! (Fonte Ulss5Polesana).

* Dopo la scuola, parte anche la caccia in Veneto. L’esercito di Diana si muoverà sui territori nell’arco temporale che va dal 15 settembre 2019 al 30 gennaio 2020. Per le specie cacciabili, sono vari i periodi, così come riportato dal calendario venatorio regionale del Veneto stagione 2019/2020. La settimana venatoria inizia il lunedì. Sono giorni di divieto, per ogni forma di caccia, il martedì e il venerdì di ogni settimana anche se festivi. Secondo fonti bene informate, pare che sia in continua diminuzione il numero dei cacciatori autoctoni, come pure “i siuri” diminuiscono di anno in anno. Staremo a vedere.

* Al Festival del cinema di Venezia, nello spazio della Regione Veneto, oltre alla presentazione dei film polesani ad opera di Polesine film commission di cui diremo in fase di consuntivo della 76ª mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia 2019, in  passerella ci sono andate anche le ostriche e le vongole del Delta. E’ proprio così: le star e gli invitati, hanno potuto gustare questo piatto prelibato che è stato servito al ristorante sulla Terrazza del Lido di Venezia.

* Comunicato Ulss 5 Polesana. Un nome difficile, per raccontare una delle eccellenze dell’Ospedale di Rovigo. Qualche settimana fa, nell’Ospedale cittadino è stato effettuato un primo intervento di “litotripsia Shockwave”. Con parole più semplici, si tratta di una procedura e tecnica che mira alla frantumazione e riduzione dei calcoli così da agevolarne l’eliminazione. Può essere praticata per via intracorporea, invasiva o minimamente invasiva, o extracorporea. Questa metodica consiste nell’erogazione di onde pulsatili, da parte di un palloncino inserito nella coronaria e dotato di appositi emettitori, in grado di attraversare i tessuti molli, ed esercitare un effetto localizzato su vasi coronarici, distruggendo selettivamente il calcio presente nelle placche che, appunto, non permetterebbe un corretto posizionamento degli stent coronarici che solitamente vengono utilizzati per riaprire le coronarie stenotiche e/o occluse.

Poco tempo fa, presso il reparto di Cardiologia Interventistica dell’Ospedale civile di Rovigo, è stato effettuato uno dei primi interventi in Italia con il metodo della litotripsia intravascolare che fonda il suo meccanismo d’azione sui medesimi principi di quella corporea per la disgregazione dei calcoli renali. Il paziente, preparato dall’intera équipe della Cardiologia Interventistica di Rovigo, è stato quindi sottoposto ad angioplastica coronarica dai medici Paolo Cardaioli e Massimo Giordan che, utilizzando un palloncino dotato di tecnologia Shockwave, sono riusciti ad ottenere la completa disgregazione del calcio coronarico, permettendo quindi la perfetta espansione dello stent coronarico. Tale intervento, condotto con approccio miniinvasivo, in anestesia locale ed utilizzando come accesso un’arteria del braccio, è stato eseguito su uno stent coronarico medicato di ultima generazione e proprio per questo rappresenta uno dei primi casi eseguiti in Italia. Il paziente è stato dimesso dopo aver trascorso alcuni giorni d’osservazione presso il reparto di cardiologia. “Con grande piacere ha spiegato il direttore generale Antonio Compostella, diamo questa notizia, a testimonianza della qualità e modernità dell’ospedale di Rovigo e della sanità polesana”.

* Da Veneto Agricoltura. Vendemmia 2019, anche nel Veneto si scommette sull’ alta qualità, mentre cala la quantità. La riduzione sul 2018, che era stato eccezionale, va dal 15 al 20%, di più per il Pinot grigio. Produzione totale stimata circa 12,8 mln di quintali. La qualità delle uve, sane ovunque, prefigura un’annata almeno interessante. E a Legnaro si è svolto il 45° Focus sulle previsioni vendemmiali, di Veneto agricoltura, con Avepa, Arpav e Crea-Ve: ha presentato le prime stime quali-quantitative della vendemmia 2019 al via con la raccolta delle uve base spumante. Tutte le valutazioni provincia per provincia, con proiezioni anche per le principali regioni vitivinicole italiane, più Francia e Spagna. Tutto il materiale è scaricabile su: https://bit.ly/2Lexecw.

L. Z.