//FLASH PORTO TOLLE n.37-2019

FLASH PORTO TOLLE n.37-2019

* In preparazione alla festa giubilare dei 50 anni di sacerdozio di don Gino Sacchetti che si celebrerà domenica 13 ottobre, la parrocchia di Scardovari ha inteso proporre alla comunità un incontro di preghiera per invocare il dono dei sacerdoti per la nostra Chiesa, nella serata di giovedì 10 ottobre alle ore 21 con l’adorazione eucaristica e il programma dei festeggiamenti. Nel prossimo  numero un profilo del sacerdote con don Nicola Nalin.

* Ancora cambiamenti per gli utenti cittadini che vogliono usufruire dei servizi Inps. Un volantino affisso nella sede di Adria l’Istituto previdenziale comunica che dal 1° ottobre, l’accesso allo sportello Inps avverrà soltanto su prenotazione attraverso i social www.inps.it da app Inps mobile o chiamando il call center 803164 o 06164164. Sarà una buona notizia per l’Inps, ma per il cittadino diventa sempre più distante l’incontro sulla propria posizione di vita e lavoro. Comunque rimane indistruttibile l’approccio con un patronato sindacale, ce ne sono a iosa.

* Auguri a Carlo Tessarin per quarant’anni a servizio nel Comune di Porto Tolle. Colleghi e cittadini lo hanno festeggiato e lui è contento di godersi la sua meritata pensione.

* Al ristorante “Marina ‘70” si è svolta una tappa dell’evento “Miss Mamma Italiana 2020”. Le mamme oltre a sfilare con abiti eleganti, hanno tenuto prove di abilità, canto e ballo e le immancabili ricette gastronomiche, esercizi ginnici con il coinvolgimento dei mariti e figli. Per il nostro Delta le premiate sono state: Miss Mamma Italiana Dolcezza, Martina Siviero di Porto Viro. Pure di Porto Viro è Simona Vettorello eletta Miss Mamma Italiana Romantica, e Katiuscia Mori, “Miss Mamma Italiana Simpatia” di Porto Viro. Sempre di Porto Viro sono Miss Mamma Italiana Gold Solare e Miss Mamma Italiana Gold Simpatia, rispettivamente Tina Sandrin e Annalisa Tommasin. La serata è stata presentata da Paolo Teti ideatore e patron del concorso e da Enrica Bonamici.

* Confindustria Venezia-Rovigo con una nota a proposito delle aree Zes precisa che le risorse ci sono. Per il presidente Marinese: “Ci aspettiamo che il Governo dia seguito alle richieste delle aree interessate per il loro sviluppo e per l’occupazione e i fondi si trovano nel Fondo di Coesione. Fare la Zes, conclude, significa fare il bene di un intero territorio”. …E rilancia il progetto “crescere in rete” che mette a sistema le esperienze virtuose di imprenditori associati fautori di alcuni fra i primi contratti di rete in Italia.

* La direzione dell’Ulss5 Polesana in un comunicato ringrazia le signore Elisa e Sara Nicolasi per le parole di apprezzamento rivolte verso l’équipe della Chirurgia di Adria guidata dal dr. Agresta. Condividiamo conclude il comunicato, anche le considerazioni fatte dalle signore in merito al momento difficile ed impegnativo proprio per la carenza dei medici necessari per la strutturazione di équipe di professionisti competenti e preparati in grado di mettere a frutto conoscenze scientifiche e potenzialità tecnologiche.

* Anche quest’anno in occasione del mese di ottobre, internazionalmente dedicato alla prevenzione del tumore al seno, il Comitato Andos di Rovigo e l’Amministrazione provinciale di Rovigo e per la prima volta la Commissione permanente pari opportunità, promuovono “Donne …il seno di poi …ottobre Rosa 2019”. Il progetto gode del sostegno dei 50 Comuni polesani, dell’Ulss5 Polesana, con il patrocinio della Regione Veneto, della rete oncologica veneta, dell’Istituto oncologico del Veneto, del Csv Rovigo ma soprattuttp con il patrocinio del Ministero della Salute. Numerose le iniziative e la presenza sul territorio di preziosi contributi per ricordare questo importante progetto. Nel programma vi sono eventi che interessano la nostra realtà deltina. Rosolina il 4/10; Loreo il 17/10; Porto Viro il 18/10; pure in programma visite senologiche gratuite a Rosolina, lunedì 21 ottobre ore 12.30 c/o sede Andos in via Marconi 110 dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12 (prenotazioni al n. 3519393566). E ancora una volta il Polesine si illumina di rosa.

* Si è svolta a Rovigo la Festa della solidarietà organizzata dal sindacato Uil dove il Polesine e le sue problematiche hanno avuto un ruolo preminente nelle varie iniziative, presenti i massimi esponenti della vita produttiva e politica del Polesine e nazionale.

* è deceduto per un malore che non gli ha lasciato scampo il medico di base di Loreo dott. Fabrizio Pavin. 65enne lascia la moglie e un figlio. In paese tutti lo ricordano e piangono per questa improvvisa dipartita. Lo ricorda così una paziente, Stefania Pozzato: “Molto apprezzato per la tua profonda conoscenza e la straordinaria professionalità. Un messaggio importante attraverso il tuo lavoro hai lasciato, che è quello di non essere solo professionali, ma soprattutto ricordarsi di essere umili, saper parlare al cuore della gente specialmente nei momenti di sconforto per malattia. Loreo è ancora incredula, lo sguardo della gente era perso nel vuoto”.

* Salti di gioia degli amministratori per il gran… lavoro svolto dall’autovelox di via Trento a Ca’ Venier. Vogliamo però ricordare che insiste ancora il problema della chiusura della strada che collega Boccasette a Ca’ Zuliani con gravi ripercussioni sull’attività di pesca per portarsi a Pila nonché di un disservizio dei collegamenti pubblici. Per questo problema certamente la… gioia e la serietà, vanno a farsi friggere. E’ giunta l’ora di decidere per risolvere il problema. 

Come non si gioisce per la segnaletica stradale, soprattutto quella verticale che sembra un’ubriacatura di massa. Passi l’erba alta, ma il segnale stradale va subito ripristinato cercando anche di colpire il cittadino che ha recato il danno.

* Emozione pr i giovani iscritti alle lauree per le professioni sanitarie per l’apertura dell’anno accademico a Rovigo. Per Compostella: “Siete il futuro, avete scelto un percorso altamente qualificato, che vi porterà enormi soddisfazioni. Sono professioni in divenire con competenze che si stanno trasformando fortemente in maniera sempre più qualificata e qualificante”. A Rovigo sono partiti i ragazzi che affronteranno l’Educazione professionale, Infermieristica, Tecnica della riabilitazione psichiatrica, Tecniche di radiologia medica per immagini e radioterapia.                               

 L. Z.