//Murales creativo
murales-di-alessandra-a-taglio-di-po

Murales creativo

TAGLIO DI PO

Nella Casa delle Associazioni

Non ci poteva essere giorno migliore, data la concomitanza dello “sciopero” di migliaia di studenti in diverse città italiane e del mondo, di tutti i livelli scolastici fino alle università, per rivendicare la salute dell’ambiente in cui viviamo, per l’inaugurazione del murales sulla facciata della Casa delle Associazioni in piazza Venezia di Taglio di Po avente per tema l’ambiente. Un murales di straordinaria bellezza e alto significato sacrificato, purtroppo, nella parte più bassa, dalla presenza di una cassetta di legno dell’Avis che, per i presenti alla cerimonia inaugurale, dovrebbe trovare posto in altro luogo, se si vuole dare il giusto valore all’opera realizzata. L’autrice dell’opera è stata la pittrice Alessandra Carloni di Roma, la quale ha operato per conto di DeltArte in stretta collaborazione con l’Amministrazione comunale e l’Istituto Comprensivo Scolastico, precisamente con gli alunni delle classi terze della scuola media “E. Maestri” di Taglio di Po guidati dalla docente Roberta Bonvicini. In apertura della cerimonia Martina Manfrinati di DeltArte ha ricordato ai presenti che “questa era la seconda inaugurazione di questa settima edizione del festival itinerante “Save The Planet – Street art per l’ambiente e i diritti umani”, ideato da Melania Ruggini, di un murales che parla dell’ambiente, realizzato dall’affermata artista Alessandra Carloni la quale, in passato, ha già collaborato con la nostra associazione e con l’associazione culturale “Voci x la Libertà”. Ha ringraziato l’Amministrazione comunale che da anni aderisce all’iniziativa, la scuola, gli alunni e la loro professoressa Roberta Bonvicini. “Sono stati sette anni di collaborazione con “DeltArte il Delta della creatività” piacevoli e interessanti – ha poi sottolineato Alberto Fioravanti, vice sindaco e assessore all’ambiente del comune di Taglio di Po – anche perché l’associazione è sempre attenta alle esigenze del territorio e l’importanza di interpretarle attraverso la scuola mediante la realizzazione di opere con dei particolari significati, in questa edizione: l’ambiente. Importante per gli alunni è quello di capire i problemi non solo attraverso i libri ma anche attraverso il fare. Inoltre, con questo percorso polesano per la partecipazione di alcuni comuni del delta e del centro vi è la possibilità di conoscere artisti importanti che mai avremmo conosciuto e questo è un arricchimento della cultura artistica di tutti”. “Ho voluto essere presente a questa cerimonia – ha proseguito la dirigente scolastica Antonella Fogli – per plaudire gli alunni per il lavoro svolto insieme alla docente Bonvicini e alla pittrice Carloni, e sottolineare l’importanza dello stare insieme per capire i problemi e dimostrarli attraverso opere importanti come questo murales che rappresenta, per Taglio di Po, un valore aggiunto. Per questa collaborazione devo un grazie sincero e particolare all’Amministrazione comunale, ai ragazzi della scuola e a la docente Bonvicini”. “Ancora una volta per me è stata un’esperienza straordinaria e credo lo sia stato anche per i ragazzi – ha detto la docente Bonvicini – perché ci insegna a pensare. La cosa più importante è l’appartenenza al territorio e questo è dimostrato nel constatare che nessun graffito realizzato precedentemente a Taglio di Po è stato rovinato ma rispettato, a significare che sono stati condivisi dalla comunità. Bonvicini ha ringraziato l’artista, il Comune in particolare il vicesindaco Fioravanti, i colleghi docenti per la loro collaborazione e gli alunni per il loro impegno”. Pochissime parole sono state pronunciate dalla pittrice Alessandra Carloni, solo per ringraziare della fiducia riposta in lei da parte di Melania Ruggini di DeltArte, della collaborazione avuta dal vicesindaco Fioravanti, dal lavoro effettuato assieme ai ragazzi e la docente Bonvicini oltre all’auspicio di poter ritornare un giorno per altre iniziative del genere. Molto interessanti sono stati poi gli interventi delle alunne Anna Fonsato della III-B e Emily Moschini della III-A, per aver spiegato nei minimi dettagli l’opera realizzata nel centro del paese con tema di estrema attualità che è la salvaguardia dell’ambiente sempre più minacciato dall’inquinamento della terra, dell’aria e dell’acqua.

Giannino Dian