//Ora il fondale è sistemato
canal-san-domenico-scavo

Ora il fondale è sistemato

CANAL SAN DOMENICO

Conclusi gli interventi di scavo per agevolare il transito dei pescherecci

Nuovi fondali per canal San Domenico. Nei giorni scorsi si è concluso l’intervento di scavo previsto da Comune e Provveditorato alle opere pubbliche del Triveneto (ex Magistrato alle acque) per consentire alle imbarcazioni, in particolare ai pescherecci, di poter entrare e uscire in modo agevole dalla zona del mercato ittico all’ingrosso. I lavori sono stati concordati oltre un anno fa con la firma di un protocollo d’intesa tra i due enti. L’intervento è consistito nel dragaggio e nello scavo di sbancamento del materiale di diversa natura e consistenza e nella successiva risagomatura del fondo, per permettere il passaggio più agevole della flotta peschereccia. Durante i lavori sono state anche riposizionate delle briccole di ancoraggio per permettere anche l’approdo in piena sicurezza. I fanghi raccolti durante gli scavi sono stati smaltiti all’Isola delle Tresse dal Provveditorato. Il costo complessivo dei lavori ammonta a 119.890 euro: 95.912 euro (80% dell’importo) a carico del Gac (Gruppo di azione costiera) di Chioggia e Delta del Po, sfruttando un bando di attuazione regionale dei Fondi Feamp, mentre il restante 20%, ovvero 23.978 euro, a carico del Comune. «Si tratta di un intervento importante per la navigazione in sicurezza nel canale san Domenico», spiega l’assessore alla pesca, Daniele Stecco, «e in particolar modo per i nostri pescherecci. Da tempo i pescatori chiedevano di dragare il canale per agevolare le manovre delle imbarcazioni evitando di finire in secca o di avere problemi. Ringrazio il Provveditorato per la collaborazione, proprio grazie al protocollo d’intesa è stato possibile realizzare il lavoro e rispondere concretamente alle esigenze degli operatori del settore».

Elisabetta Boscolo Anzoletti