//Consorzio, si vota
TUGNOLO-PAN

Consorzio, si vota

A colloquio col presidente uscente del Delta Po, Tugnolo

Domenica 15 dicembre 28.833 elettori (tanti sono i consorziati: 25.671 della prima fascia, 2.613 della seconda fascia e 549 della terza fascia) si recheranno nei rispettivi seggi (che sono 9: Taglio di Po: sede del Consorzio e Oca Marina, Ariano nel Polesine, Corbola, Porto Tolle: Ca’ Tiepolo e Boccasette, Porto Viro, Rosolina e Sant’Anna di Chioggia-Idrovora Busiola), per rinnovare le assemblee elettive del Consorzio di Bonifica Delta del Po. “Ho assunto la presidenza del Consorzio di Bonifica Delta del Po nel febbraio del 2015 – afferma Adriano Tugnolo, presidente uscente – e il Consorzio si trovava in una situazione finanziaria delicata. Oggi grazie al corretto flusso dei pagamenti da parte della Regione del Veneto e ad una oculata gestione del bilancio, il problema è rientrato. Il quinquennio di amministrazione che ora volge al termine ha visto una importante ed interessante attività sinergica dei due Consorzi di Bonifica del Polesine, Delta del Po e Adige Po”. “Sono state messe a punto importanti collaborazioni – spiega Tugnolo – per quanto riguarda l’utilizzo congiunto di un solo Direttore per entrambi i Consorzi, di un solo Capo Settore Catasto, di un solo Capo Settore Ragioneria e di un solo Ufficiale Rogante. Questa sinergia ha consentito importanti economie di scala con consistenti risparmi in entrambi i Consorzi. Grazie anche al sostegno di ANBI regionale e nazionale i Consorzi sono riusciti a rappresentare al Governo le problematiche legate alla subsidenza del territorio tant’è che nel “Bilancio di Previsione dello Stato per l’anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020” è stato inserito il finanziamento delle opere pubbliche necessarie alla protezione dal fenomeno della subsidenza nel Delta del Po dal 2019 al 2024 grazie anche alle visite sul campo delle Commissioni Agricoltura del Senato e della Camera dei Deputati”. Non solo. “Il Consorzio, precisa con orgoglio Tugnolo – ha dimostrato grande capacità progettuale: infatti nel Piano Irriguo Nazionale il progetto presentato dal Consorzio di Bonifica Delta del Po riguardante l’ottimizzazione dell’irrigazione in vaste aree dell’Isola di Ariano, ha ottenuto un punteggio elevato tanto da risultare al quarto posto nella graduatoria nazionale per ottenere finanziamenti. In questo quinquennio l’Amministrazione si è impegnata per dare avvio, tra le altre opere, anche alla realizzazione dell’invaso di “Volta Vaccari”, per un importo di 3 milioni 300 mila euro, progetto che da anni non riceveva l’impulso necessario per l’avvio dei lavori che sono ormai giunti al termine. Nel Piano Invasi, hanno trovato finanziamento due importanti progetti per la messa in sicurezza del Collettore Padano Polesano nel Comune di Porto Viro per l’importo di 3 milioni 450 mila euro e un finanziamento per la progettazione di opere irrigue nell’Unità Territoriale di Porto Tolle per 400 mila euro. Ma la cosa più importante ha trovato finanziamento nel Piano Invasi il Progetto per la realizzazione della nuova barriera antisale alla foce del Fiume Adige per un importo di 20 milioni di euro. Oltre a ciò il Consorzio ha dimostrato di essere in grado di resistere ad eventi pluviometrici intensi senza gravi danni e questo grazie ad una accorta gestione dei 39 impianti idrovori e di riuscire a garantire la necessaria acqua irrigua anche in momenti di siccità e di crisi idrica”. “Un grazie doveroso e sincero a tutto il personale del Consorzio di Bonifica Delta del Po – sottolinea Tugnolo – che non ha mai fatto mancare il proprio impegno ed il sostegno all’ente che presiedo per la gestione di un territorio, con una professionalità inusuale ed una passione incredibile per il mantenimento di un territorio il quale, senza la costante opera dell’uomo, non sarebbe vivibile; ai colleghi Amministratori del continuo sostegno e degli indispensabili consigli per la gestione dell’Ente; alle Associazioni Agricole che hanno sostenuto il Consorzio in momenti difficili ed hanno saputo fornire un sostegno politico senza eguali e grazie pure alle istituzioni tutte con le quali il rapporto è sempre stato di dialogo aperto e di collaborazione”. Un particolare ringraziamento agli assessori regionali, Giuseppe Pan con il quale il Consorzio ha collaborato con la massima sintonia nelle problematiche inerenti la bonifica e Cristiano Corazzari per le problematiche generali del territorio bassopolesano”. “Concludo con un invito a tutti i consorziati del territorio di andare ad esprimere il proprio voto domenica 15 dicembre per dimostrare la partecipazione concreta e stimolante alla gestione dell’ente”.

Giannino Dian

Foto: il presidente uscente Adriano Tugnolo; a sinistra, l’assessore regionale Giuseppe Pan.