//Provarci, sempre
lisa-fabris

Provarci, sempre

Giovani talenti musicali

Lisa Fabris, cantante chioggiotta ci parla di sé

Lisa Fabris, giovane cantante chioggiotta, si racconta al nostro settimanale, parlandoci della sua grande passione: la musica. Lo fa con alle spalle già ben due inediti, “Tu” e “Senza traccia”, e con l’uscita del suo prossimo album nel 2020.

1) Chi è Lisa?

Questa è una domanda che pongo anche a me stessa. Per me Lisa è un insieme di emozioni, tante sfaccettature che fanno di me una persona molto dinamica. Ho 19 anni e da poco mi sono diplomata. Vivo a Chioggia e proprio qui ho frequentato ragioneria turistica, una scuola che poteva farmi esplorare tutta la mia voglia di vivere. Avevo 4 anni quando i miei genitori mi filmarono mentre cantavo a squarciagola per ore: a quanto pare già allora la musica era tutta la mia vita. Se invece dovessi rispondere con 3 aggettivi, direi: solare, passionale e innamorata della vita.

2) Cosa rappresenta per te la musica?

Penso che un mondo senza musica non sarebbe un mondo dove vorrei vivere, quindi la musica per me è tutto. Mi aiuta quando sono triste per sentire il mio dolore fino in fondo e poi calmarlo con la migliore medicina, mi calma quando sono arrabbiata e quando sono felice enfatizza ancor più ciò che sento, mi fa sentire più leggera e soprattutto mi aiuta nella comunicazione: la musica è una cosa che lega tutti noi e ci espone mettendo a nudo i nostri sentimenti, a volte spiegando cose ‘difficili’, cose che a volte ci vergogniamo a dire. Questo è il suo dono: ci unisce e io amo queste cose. La musica si trasforma in persone. Avete mai ascoltato una canzone dopo anni? Si crea un arco temporale che vi fa rivivere quel momento in maniera così forte che a volte può far male, anche se in maniera piacevole.

3) Quali sono i tuoi prossimi progetti?

L’uscita del mio nuovo inedito, “Cambio di me”, scritto da Carmelo Dal Genio e arrangiato da Antonio Frodella. Ne sono felice perché fino ad ora è il brano che più racconta chi sono. Questo stesso brano è stato presentato alle selezioni di Sanremo Giovani, purtroppo anche se le prime scremature sono state superate, il singolo non è stato scelto… ma questo mi dà solo ancora più forza e voglia di riprovarci! Entro il 2020 uscirà anche l’intero album.

4) Cosa dire ai ragazzi che non trovano il coraggio di credere nei propri sogni?

A chi ha paura di credere nei propri sogni direi che non è mai troppo tardi: la vita è solo una e bisogna provarci e bisogna provarci sempre, anche se va male. Tutti i giorni riceviamo delusioni ma questo non significa buttarsi giù, bisogna rialzarsi velocemente e iniziare di nuovo a pedalare verso il nostro obiettivo. Per questo non ha senso vivere una vita senza credere, credere sempre che se non ce la farai stavolta la prossima potrebbe essere quella buona, ma soprattutto bisogna sapersi mettere in gioco.

Viviana T.