//BREVI DA CAVARZERE

BREVI DA CAVARZERE

* LOTTA ALLA CIMICE ASIATICA – Il presidente dell’associazione Coldiretti polesana, dr Carlo Salvan – come illustriamo più ampiamente altrove -, ha chiesto al ministero dell’agricoltura l’autorizzazione per liberare la vespa samurai antagonista della cimice asiatica. La proliferazione della cimice distrugge frutteti e culture varie per milioni di danni. Salvan ha chiesto all’assessore regionale Giuseppe Pan di velocizzare i tempi per gli indennizzi dei danni subiti dai coltivatori.

* CORSO MUSICALE – Alla scuola secondaria di I grado “A. Cappon” sono aperte le iscrizioni per il prossimo anno al corso per diventare musicisti, per stare insieme agli altri e a relazionarsi con il mondo per diventare cittadini migliori.

* MORTA A SOLI 33 ANNI – Si chiamava Ramona Bergantin ed è deceduta a soli 33 anni. Ai funerali in duomo, celebrati da don Andrea Rosada mercoledì 8 gennaio, hanno partecipato numerosi amici e conoscenti, in un clima commosso. Don Andrea nell’omelia ha detto che nel cielo si è accesa una nuova stella, dando parole di conforto a genitori e familiari in particolare. 

* ADDIO A LORENA – A san Giuseppe sono stati celebrati giovedì 9 gennaio, i funerali di Lorena Lodo, 57 anni, portata via da un male che non perdona. Al rito, oltre ai parenti e a numerosissimi amici e conoscenti, era rappresentata l’Arma dei carabinieri in divisa, e vari comandanti di caserma, tra cui il m.llo maggiore Vinicio Marozzi di Cavarzere. L’eucarestia è stata officiata da don Francesco Andrigo, che ha espresso sentimenti di conforto per la scomparsa di Lorena, persona molto conosciuta e stimata in paese.

* ULTIMO SALUTO A “EBE” – Era nata ad Adria 109 anni fa e avrebbe compiuto 110 anni il 2 di aprile di quest’anno, Giuseppina Bisco chiamata “Ebe”, che si è spenta il giorno dell’epifania nella sua abitazione di Ca’ Labia di Cavarzere, assistita amorevolmente dalla badante moldava Alexandra e dai nipoti. È stata la persona più longeva del territorio, dal carattere forte: era sopravvissuta a ben due guerre, alle alluvioni del Po e dell’Adige, e a diverse malattie endemiche. Aveva conosciuto il duro lavoro dei campi come bracciante, per mantenere sé e la sua bambina, avuta a soli 18 anni. Le onoranze funebri si sono svolte in un raccolto clima religioso e di mestizia nel duomo di san Mauro, il pomeriggio di mercoledì 8 gennaio, presenti i parenti, amici e conoscenti; l’eucarestia è stata officiata da padre Adriano Busatto.

* ADDIO A LUCIANA – “Una madre e una nonna esemplare, che ha sempre cercato di percorrere la strada tracciata da Gesù e che, nonostante il peso degli anni, non è mai venuta meno al suo credo e alla partecipazione alla vita religiosa parrocchiale, anche quando era ancora attiva nel lavoro, sperando nella luce promessa dal Signore oltre la vita terrena”. Così l’arciprete don Andrea Rosada ha ricordato la signora Luciana Novo, vedova Pavanato, durante l’omelia del rito funebre celebrato in duomo giovedì mattina 8 gennaio, alla presenza di molti amici e conoscenti. Una donna molto conosciuta a Cavarzere perché nel corso dei suoi 89 anni, assieme al marito Tullio, aveva gestito la principale cartolibreria del paese.

* PREMIATI – Il concorso fotografico natalizio dalla Pro Loco per le migliori vetrine è stato vinto dalla Box Mau (407 voti). Al secondo posto si è piazzato l’Hair Salon Pavanello (285 voti), al terzo la pizzeria da asporto La Spiga (219 voti).

* BORSE DI STUDIO – L’11 gennaio, nell’aula magna dell’istituto “Guglielmo Marconi” di Cavarzere (nella foto a lato), le alunne Beatrice Lovisetta, Erica Sarto e Angela Giacomello, del corso di biotecnologie sanitarie, sono state premiate con una borsa di studio ciascuna al merito per lo studio, offerte dalla farmacia Pavanello di Rottanova di Cavarzere.

* 25 NUOVI APPARTAMENTI – Il comune sistemerà entro la prossima estate 25 nuovi appartamenti di sua proprietà, con una spesa preventivata di € 500mila. La case saranno poi consegnate agli aventi diritto che ne faranno richesta.

* PETTORAZZA GRIMANI – Il nuovo “fondo di solidarietà” comunale ha tagliato oltre € 859 al bilancio di Pettorazza Grimani. Lo ha reso noto il vicesindaco Andrea Grassetto, facendo presente che “la somma avrebbe potuto essere utilizzata per interventi in campo sociale. Penalizzati così i comuni virtuosi”.

R. F.