//Traffico pesante che preoccupa
Cavarzere

Traffico pesante che preoccupa

Viabilità

In previsione della deviazione per i lavori sul ponte translagunare di Chioggia

La  prospettiva del cantiere sul ponte translagunare sulla Romea a Chioggia, che dovrebbe comportare la deviazione del traffico dei mezzi pesanti sulla Romea-Cavarzere-Adria-Rosolina ha messo in allarme sia Cavarzere che Adria. E ciò per il conseguente aumento del transito di autotreni pesanti che ne deriverebbe lungo la regionale 516 che unisce i due centri e la stessa via mons. Filippo Pozzato nella città etrusca. In merito (anche se sono ancora incerti i tempi d’inizio delle opere in questione) ha preso posizione contraria alla prevista deviazione il vice segretario adriese del Pd Pierpaolo Ballo per i danni che ne potrebbero derivare al fondo stradale cavarzerano e adriese: sui quali l’Anas non si renderebbe garante della riparazione: invitando le amministrazioni civiche di Adria e Cavarzere a chiedere chiarimenti e assicurazioni per le popolazioni interessate. Sostenendo “con forza nei confronti di Anas Veneto la posizione del comune di Chioggia, che non intenderebbe dare il nulla osta ai lavori sul ponte translagunare se non sarà istituito un senso unico alternato”. Ipotesi che – secondo Bello – “Adria dovrebbe perorare insieme a Cavarzere, in quanto potrebbe evitare lo sversamento di tanto traffico pesante verso la nostra zona”: le cui strade sono state costruite decine di anni or sono sopra un terreno torboso, soggetto a dislivellamenti e cedimenti. Tenendo presente che ci sono tir capaci di trasportare decine di tonnellate di merci, oltre al peso degli stessi autotreni: senza calcolare i possibili danni causati ai fabbricati in genere che sorgono lungo le vie interessate, oltre al disturbo della quiete pubblica.

Rolando Ferrarese