//Vince, fair play del Belluno
union-belluno-marangon

Vince, fair play del Belluno

Union Clodiense

L’Union Clodiense si porta a casa una vittoria importante, ma il Belluno si ritaglia una pagina d’onore nella storia sportiva del calcio dilettantistico. Sì perché se i granata hanno avuto il merito di incamerare i tre punti grazie alla zuccata di Cuomo ad una decina di minuti dal termine, non si può non menzionare il grande gesto di fair play di Giovanni Madiotto, che ha corretto una decisione importante dell’arbitro. Era infatti l’11’ della ripresa quando il direttore di gara assegnava un rigore a favore degli uomini di Zanin per un presunto fallo di mano di un difensore granata. A quel punto però l’attaccante gialloblù informava l’arbitro che il pallone con la mano l’aveva toccato lui, non il difensore chioggiotto. Decisione quindi rivista e rigore revocato, tra gli applausi del “Ballarin”. E’ girato sostanzialmente attorno a questo episodio il match tra Union Clodiense e Belluno, una gara equilibrata, giocata prevalentemente in mezzo al campo, tra mezze palle sporche e gioco poco lucido da ambo le parti. Vittadello, privo di ben sei giocatori, ha puntato sul più solido 4-4-2, con una mediana molto green composta da Erman e Duse. Zanin si è invece piazzato con Bertagno davanti alla difesa e Olivotto dietro alle punte, Madiotto e Corbanese, ma con il compito di allargare verso destra. Il primo tempo è piuttosto equilibrato e l’unica azione degna di nota è un tentativo di girata in acrobazia di Ferretti con la palla fuori di un alito. Per il resto, Belluno meglio nei primi 20’ e poi tanto equilibrio e poche azioni da gol. Anche le fasi iniziali della ripresa hanno visto il sopravvento del Belluno, sfociato nell’episodio del rigore, poi revocato, già raccontato. Alla distanza però, mentre i gialloblù ospiti perdevano smalto, l’Union Clodiense ha cercato di scoccare il colpo del k.o. con Marangon e, soprattutto con Ferretti. Quindi al 35’, sugli sviluppi di un corner egregiamente battuto da Duse, Cuomo spaccava la zona bellunese e infilava di testa. Gol che faceva crollare il castello della squadra di Zanin e dava la vittoria ai granata che ora dovranno affrontare, una di seguito all’altra, Luparense, Adriese, Campodarsego, Legnago e Cartigliano. 

Daniele Zennaro