//Assicurati i servizi essenziali
adriano-tugnolo

Assicurati i servizi essenziali

Consorzio di bonifica delta po. Durante l’emergenza coronavirus

“L’emergenza coronavirus non sospende l’attività del Consorzio di Bonifica Delta del Po”. Queste le parole di Adriano Tugnolo (nella foto), presidente del Consorzio di Bonifica con sede in via Pordenone, 6 a Taglio di Po, che comprende il territorio del Delta del Po, S.Anna di Chioggia e Cavanella d’Adige. “Il Consorzio di Bonifica – sottolinea Tugnolo – deve garantire i servizi pubblici essenziali connessi alle attività di scolo delle acque e di distribuzione di acqua ad uso irriguo e per fare questo è necessario il funzionamento di tutta la struttura consortile. Al fine di evitare la diffusione del contagio è interdetto al pubblico l’accesso agli uffici consorziali ed il contatto con il pubblico avviene tramite telefono, fax, e mail ed altre modalità che consentano la soluzione dei problemi senza ricorrere al front-office fino a che non sarà decretata la conclusione dell’emergenza. Il personale d’ufficio indispensabile a garantire l’efficacia del sistema, a rotazione effettua il lavoro a distanza mentre chi momentaneamente non è indispensabile usufruisce di giorni di ferie. Ciò al fine di limitare il più possibile contatti diretti garantendo la presenza di un unico lavoratore per stanza e comunque poche persone all’interno della struttura. Periodicamente – precisa il presidente Tugnolo -, come previsto dalle norme emergenziali, vengono sanificati i luoghi di lavoro stabile, per le mascherine, peraltro ancora introvabili sul mercato, il personale sta usando quelle in dotazione e non appena disponibili verranno sostituite e rimpinguate, sono stati messi a disposizione guanti e liquidi disinfettanti Per il personale esterno sono state fornite indicazioni di evitare contatti diretti a distanza ravvicinata con i consorziati e con i colleghi privilegiando l’utilizzo del telefono. La struttura deve continuare a funzionare nonostante tutto ed il personale tecnico interno ed esterno è impegnato nel controllo dell’efficienza degli impianti di sollevamento, delle derivazioni irrigue, delle tubazioni , delle idrovore, della rete di scolo e dei manufatti connessi. Sono infatti in corso interventi indispensabili a garantire il servizio, oltre che con personale, mezzi ed attrezzature del Consorzio anche facendo ricorso a ditte esterne che ovviamente rientrano nelle fattispecie di cui alla recente normativa”. “E’ un territorio particolare – spiega il presidente Tugnolo – tutto sotto il livello del medio mare e minacciato nel periodo irriguo dal cuneo salino. Senza la costante e continua attività volta a garantire lo scolo delle acque e la fornitura di acqua irrigua viene bloccata non solo la filiera agricola ma anche il sistema produttivo che finita l’emergenza dovrà riprendere alla grande”.“E’ evidente che nonostante tutti gli sforzi – conclude Tugnolo – è possibile che in questo periodo possano evidenziarsi difficoltà e disservizi dovuti a cause esterne; per risolvere tali eventuali problematiche sarà massimo l’impegno mio, del direttore ingegnere Giancarlo Mantovani, degli amministratori e del personale che fin d’ora ringrazio per l’impegno, la disponibilità e la professionalità dimostrata in questo difficile momento per garantire il prezioso servizio per la collettività”. 

 Giannino Dian

(FOTO: Adriano Tugnolo)