//“Con amore”
con-amore

“Con amore”

Dalla Mongolia

Solidarietà dal mondo dei social

L’Italia è in prima linea nella lotta contro il Covid-19 e stiamo ricevendo segni di solidarietà da tutto il mondo, lo ha dichiarato anche il Presidente Mattarella in uno dei suoi discorsi alla Nazione in questi giorni. Oltre alle lettere dei capi di Stato e a tutte le manifestazioni ufficiali di solidarietà, ci sono molte altre voci che vogliono farsi sentire: sono persone e gruppi di persone da varie parti del globo che condividono messaggi di speranza tramite i social. In Mongolia è stata avviata la sfida social “Con amore” in cui oltre 200 persone hanno cantato la romanza “Nessun dorma”, andando oltre le difficoltà di lingua e di tecnica, per dimostrare la loro solidarietà in questo momento difficile agli Italiani. Il video è stato montato e pubblicato on-line e ogni giorno viene condiviso da moltissime altre persone. 

Abbiamo intervistato Enkhbold (Ebo) Geser, che ha fondato il club 20K nel 2015, promotore dell’iniziativa.

Perché avete lanciato la sfida social “Con amore”? Perché avete scelto il “Nessun dorma” di Pucccini?  “Al momento anche noi, come in tutti gli altri Paesi, stiamo vivendo e lavorando in condizioni di quarantena, poiché sono stati registrati 14 casi. Anche noi stiamo vivendo la sofferenza degli Italiani che stanno lottando contro il Covid-19. Conosciamo l’Italia grazie alla vostra buona cucina, il vino, i paesaggi, le auto e l’opera. Per questo abbiamo scelto una delle vostre più famose opere di Puccini, la Turandot, in particolare l’atto finale di Calaf, ben conosciuto in tutto il mondo ed è connesso con la storia della Mongolia”.

Quante persone vi hanno preso parte? Chi l’ha organizzata? “Per il momento 200 persone hanno preso parte a questa sfida ma è ancora in corso. I soci del club 20K hanno concordato sulla scelta dell’opera italiana, la sfida è stata poi organizzata assieme all’Associazione Influencer della Mongolia”.

Cosa le piace dell’Italia e degli Italiani? E’ mai stato personalmente in Italia? “Amiamo gli Italiani per il loro temperamento e il loro carattere aperto, che fa diventare la vita più facile e più felice. Inoltre, le città e i paesaggi italiani sono un posto da sogno per le vacanze, per non parlare della cucina, in particolare le olive, gli spaghetti, la pasta e il vino. Sfortunatamente non sono mai stato personalmente in Italia, ma spero di poterci venire presto!”

Cosa pensa che abbiamo in comune gli Italiani e i Mongoli? “Penso che abbiamo molte cose in comune. Innanzitutto condividiamo il valore della famiglia e il rispetto per le generazioni più anziane, e poi amiamo le automobili, abbiamo un gran cuore e siamo molto ospitali”.

Lasci ai nostri lettori un messaggio di solidarietà: “Parlo per conto del gruppo che ha organizzato la sfida “Con amore” e del pubblico Mongolo. Voglio esprimere il mio apprezzamento per la considerazione che avete dato alla nostra iniziativa. Ci auguriamo che voi Italiani possiate superare la pandemia del Covid-19 con le minori perdite possibili e con la più grande forza. Credo che grazie ai social network stiamo vivendo senza confini. Per questo motivo, non siete soli. Sono felice di farvi sapere che vi stiamo accanto in questo periodo critico. Vorrei dire tre cose in Italiano (l’intervista è stata fatta in Inglese n.d.A.) che ho imparato durante la sfida “Con amore”: 1) Viva l’Italia, 2) Forza Italia, 3) Andrà tutto bene”.

Grazie, o come dite voi in Mongolia: “Bayarlalaa!”

Il video è condiviso al link: FACEBOOK

Elisa Rosa Vianello