//Per aiutare i più deboli
conoravirus-aiuti

Per aiutare i più deboli

Emergenza Coronavirus

Varie iniziative di sostegno sociale

Rispondendo prontamente all’appello del Comune di Chioggia in questi giorni, Croce Rossa, Associazione Nazionale Carabinieri e associazione Bersaglieri si sono affiancati alla Protezione Civile e ai Servizi Sociali per dare una mano nel confezionamento delle buste con le mascherine e per la loro distribuzione porta a porta ai cittadini. A proposito della Croce Rossa Italiana, dice l’assessore al sociale Luciano Frizziero nel comunicato del 31.03.2020: “Anche nel territorio clodiense è attivo il suo servizio ‘Il tempo della gentilezza’ per la spesa a domicilio per anziani, persone fragili e immunodepresse. Chi ne ha bisogno può chiamare il numero di telefono 041.982333 (dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 18.00 e il sabato dalle 9.00 alle 13.00) o comporre il numero della sede di Chioggia 041.5544118 o scrivere alla email: servizio.gentilezza@crivenezia.it. Anche la Croce Verde Adria sezione di Chioggia  si è messa a disposizione della Comunità per aiutare i più deboli quali gli anziani, i disabili e gli immunodepressi portando, su richiesta, spesa o medicinali a domicilio. Basta contattare il n. tel. 3337878779 (dalle 8 alle 19). Per situazioni di disagio, ma anche per un sostegno a distanza a minori che necessitino di aiuto per i compiti di scuola o altre attività di tipo ludico-ricreativo – aggiunge l’assessore – l’associazione Muraless si rende utile per attività di ‘vicinato virtuale’ per famiglie con minori. Con il progetto ‘Vicinato solidale senior’ per anziani che vivono da soli l’Associazione è pure disponibile ad effettuare spese varie e consegnarle a domicilio. E’ necessario mettersi in contatto con l’mail info@muraless.org o attraverso la pagina Facebook Muraless Chioggia (con messaggio privato)”. 

“In merito alla spesa a domicilio – conclude l’assessore Frizziero, – si ricorda che sul portale istituzionale del comune www.chioggia.org è presente un elenco di negozianti che effettuano il servizio di consegna domiciliare di alimenti. All’interno del sito è presente un Form dedicato prontamente aggiornato in base alle richieste che perverranno, in cui i commercianti/negozianti potranno inserire i dati che riterranno opportuno, al fine di comunicare se si siano attivati per la consegna a domicilio, così saranno visibili ai cittadini”. 

Ovviamente, anche nel caso di consegne a domicilio continuano a valere le regole che ormai conosciamo: mantenere almeno un metro di distanza ed evitare al momento della consegna contatti personali privilegiando i pagamenti on-line. 

R.D.